Come si fanno i soldi con Youtube

Come si fa a guadagnare soldi con Youtube? Un pizzico di creatività, un po' di fortuna e molta pazienza: sono questi gli ingredienti di cui si ha bisogno per provare a diventare delle star sulla celebre piattaforma di condivisione dei video. Può essere utile conoscere le modalità di guadagno che si concretizzano tramite il portale: ovviamente, più un video viene visualizzato più si guadagna, anche se non si deve pensare che il numero di visite dirette sia così decisivo. Ogni caso fa storia a sé, ma di solito un milione di views corrisponde a un migliaio di euro di guadagno.

Ecco perché in realtà i guadagni più significativi per le stelle di Youtube derivano dal product placement. Si immagini il comportamento di chi è diventato famoso recensendo i videogiochi più celebri: la sua voce fuori campo e la sua tastiera gaming gli hanno consentito di arrivare al successo. Come monetizzare questo riscontro da parte del pubblico? Attraverso la pubblicità: per esempio si possono ricevere dei soldi se nel corso di un video si mangiano delle patatine al formaggio di un certo marchio, o se si indossa una t-shirt di un determinato brand, e così via.

Proprio il settore delle video-recensioni dei videogame, per altro, è uno dei più prolifici e redditizi. Di solito chi ha successo in questo campo può decidere di far riferimento a un network – uno dei più celebri è Tom's Hardware – che si occupa della gestione del canale su Youtube da ogni punto di vista: la pubblicità e i rapporti con i clienti. Francesco Miceli è uno degli youtuber che ce l'hanno fatta, proprio partendo da una tastiera gaming e da una passione comune a quella di altri milioni di ragazzi: PlayStation e Nintendo, Gta e Fifa, Call of Duty e Super Mario.

La storia di Miceli racconta di un'ascesa verso il successo di grande clamore, partita da un nickname, Fraws, e da un canale, Parliamo di videogiochi, che già dal suo nome rivela le proprie intenzioni. I filmati di Francesco nel tempo sono arrivati a totalizzare centinaia di migliaia di views e, di conseguenza, hanno conquistato l'attenzione degli investitori e degli inserzionisti del web. Ciò non vuol dire che chiunque possa diventare uno youtuber di rango dall'oggi al domani, ma semplicemente che la povertà di mezzi non è una giustificazione sufficiente per decidere di non provarci e di non tentare di inseguire un sogno davvero unico.

Share this post:

Related Posts

Comments are closed.