Creare un sito ottimizzato per i motori di ricerca

Oggi i professionisti che si occupano di realizzazione siti web a Lecce come a Milano o Torino, oltre che saper sviluppare dal punto di vista del web design, non possono prescindere dal possedere conoscenze che interessano l’aspetto del posizionamento sui motori di ricerca. La struttura del sito, infatti, influenza in modo significativo il posizionamento di un sito web su Google: se ben sviluppata, la strategia di costruzione dell’impalcatura web si rivela la prima grande risorsa attraverso cui sospingere il sito tra le prime pagine degli elenchi di ricerca. Come deve essere un sito web per essere ottimizzato dal punto di vista SEO?

Leggerezza

La velocità di caricamento è un parametro SEO di cui Google tiene massima considerazione. Perché un sito web sia rapido ed efficiente nel caricamento, è necessario che sia anche leggero. Eliminare gli elementi inutili e che servono solo ad appesantire il sito è il primo passo da compiere verso la realizzazione di un sito SEO friendly. Effetti grafici, musiche di sottofondo, animazioni in flash, oltre che far risultare il sito obsoleto, lo rallentano e, di conseguenza, lo rendono inefficiente per i motori di ricerca.

Linearità

Più un sito web presenta una struttura lineare e più risulterà comprensibile agli spider che scansionano la rete. Una struttura lineare è strutturata con ordine, segue un assetto gerarchico e che si sviluppa verticalmente, dai contenuti più generici e rilevanti a quelli più specifici e di nicchia. Google apprezza, gli utenti anche.

Libero da banner

Google protegge l’usabilità e premia i siti pensati per una navigazione pratica. Ciò significa che le pagine web che presentano banner pubblicitari invadenti e fastidiosi per l’utente sono penalizzati nelle liste di ricerca. Ciò non vuol dire che le pubblicità non debbano essere inserite all’interno dei vostri siti bensì che esse vadano gestite con disciplina e pensando alla navigazione dei fruitori del sito.

Il protocollo https

Il protocollo https rende il sito web più sicuro e protegge i dati degli utenti da possibili attacchi e violazioni della privacy. Ad oggi, esso non è obbligatorio e non rappresenta un fattore determinante, ma è facile ipotizzare che la sua rilevanza possa crescere in modo sempre più consistente nei prossimi mesi. Se state sviluppando un nuovo sito, meglio portarvi avanti con il lavoro e sviluppare da subito con il nuovo protocollo, evitando annosi redirect nei mesi successivi. Ciò vale ancor di più se si tratta di un sito e-commerce, destinato a immagazzinare dati sensibili come quelli delle carte di credito: gli utenti non sono disposti ad acquistare da piattaforme scarsamente tutelanti. E fanno bene!

Share this post:

Recent Posts

Comments are closed.