Dipendenza da Facebook, come guarirne

Un interessante studio condotto da IMR Ricerche ha coinvolto un campione di 100 persone, alle quali è stato chiesto di spiegare il proprio rapporto con Facebook e con i social network. I dati che sono emersi da questa ricerca si propongono come allarmanti, in quanto il 38% degli intervistati ha dichiarato di esagerare con l’uso di questi social, mentre il 6% ha impiegato il termine ‘dipendenza’ per descriverne il rapporto. Molti intervistati hanno ammesso che i social possiedono un potere ‘ipnotico’, mentre il 20% delle persone ha dichiarato di avere avuto problemi di natura relazionale derivati dall’uso smodato di questi strumenti.

 dipendenza-da-facebook

I dati parlano chiaro: se la proporzione è esatta, nel nostro paese molte persone sono colpite da una vera e propria dipendenza da Facebook, un canale che forse più degli altri può generare dipendenza. La causa va ricercata sicuramente sul grado di diffusione del social , ma anche sul fatto che ad ogni ‘mi piace’ ricevuto, il cervello libera delle scariche di dopamina, benefiche nei primi istanti ma molto pericolose in quanto possono dare vita a casi di addiction disorder.

La dipendenza da Facebook può essere sconfitta attraverso l’imposizione di alcune basilari regole, che possono aiutare gli utenti a ‘disintossicassi ‘ dall’abuso del social network. E’ innanzitutto fondamentale ammettere di avere un problema, in quanto questa pratica si propone come il primo passo verso la guarigione. In secondo luogo è indispensabile attuare delle imposizioni a livello pratico, come disattivare le notifiche mail leggibili dallo smartphone, dedicare solamente un tempo stabilito alla navigazione e fissare l’obiettivo di ridurre drasticamente il suo uso.

A ciò deve affiancarsi la costruzione di relazioni sociali vere, fatte da persone in carne ed ossa e non da avatar virtuali; è ideale uscire, distrarsi il più possibile e magari viaggiare (perché no, anche con l’aiuto dei social!). Se queste pratiche non sono sufficienti è ideale recarsi ad un gruppo di ascolto, oppure prendere appuntamento in un centro per la cura degli addiction disorder. Con l’aiuto di uno specialista il processo di guarigione può infatti risultare più semplice, veloce e sicuramente efficace.

Share this post:

Related Posts

Leave a Comment