iSlave 6: SACOM vs Apple

sacom

In occasione del lancio dei nuovi iPhone, a Hong Kong i manifestanti della Sacom (Students and Scholars Against Corporate Misbehavior) hanno dato vita ad un blitz per puntare il dito contro le condizioni di lavoro di chi costruise gli smartphone per conto di Apple. 

I manifestanti hanno esposto uno striscione sulla parte superiore di un Apple Store, che si affaccia su importanti vie di comunicazione in una zona di forte passaggio e grande visibilità. Il messaggio gioca con il nuovo slogan usato da Apple per l’iPhone (“iPhone 6, Bigger than bigger”), diventato per l’occasione “iSlave 6 Harsher than Harsher” seguito dalla foto dello smartphone e dalla dicitura “Still made in sweatshop”, sostenendo insomma che i dispositivi sono fabbricati in veri e propri “laboratori clandestini”.

via

Qui tutte le immagini della campagna

sacom_islave

sacom_islave6

Bloguerrilla

Share this post:

Related Posts

Leave a Comment