Conservazione digitale dei documenti, cosa c’è da sapere

Una corretta conservazione digitale dei documenti (vedi il servizio fornito da Savino Solution) può essere un accorgimento fondamentale sia per un cliente personale, sia per un utente di natura aziendale. Infatti, la capacità di tenere sotto controllo ogni singolo modulo favorisce un'organizzazione ben accurata di dati piuttosto importanti. Ecco cosa è possibile fare per rendere tutto più semplice.

La capacità di memorizzare tutte le informazioni con facilità

Col passare degli anni, la memorizzazione storica delle varie informazioni si è evoluta di pari passo con l'avanzare delle tecnologie rispettive. Il concetto di riservatezza delle informazioni ha iniziato a farsi strada fin dall'epoca degli antichi Egizi, che si servivano del papiro per conservare determinati dati sensibili. Il passaggio dal papiro alla carta, e poi fino a risorse di tipo digitale, è stato lungo e laborioso, ma ha portato frutti insperati in un settore così elaborato. Certo, bisogna comunque prestare attenzione a documenti datati, visto che ai tempi nostri risultano molto complicati da decifrare.

Anche i sistemi di videoscrittura hanno vissuto un'evoluzione non di poco conto, fino a giungere ai tempi nostri basati su una digitalizzazione pressoché generale. Ogni metodo viene attualmente messo in pratica per fare in modo che i flussi documentali possano essere decifrati e gestiti senza alcuna difficoltà, con un processo di esibizione dei documenti sempre più facilitato.

Che cos'è l'Agenzia per l'Italia Digitale (AGID)

In un contesto complicato per quanto riguarda la conservazione digitale dei documenti, è stato istituito un dipartimento ministeriale in grado di riordinare le varie istanze. Si tratta dell'Agenzia per l'Italia Digitale, nota anche con la semplice sigla di AGID. Si tratta di un ente creato per consentire all'Italia di gestire al meglio la transizione verso sistemi digitali di ultima generazione. L'obiettivo principale è quello di custodire immensi archivi di documenti e dati informatici tramite un'attività di assoluto rilievo, ossia la conservazione digitale.

L'importanza della conservazione digitale così come la conosciamo oggi In virtù dei passaggi già citati, fare a meno di una conservazione digitale dei documenti curata nei minimi dettagli appare alquanto difficile. Un qualsiasi documento di questo tipo deve comunque rispondere a determinati requisiti in materia di qualità e sicurezza, oltre ad essere inserito in un sistema di gestione documentare ben accurato. A tal proposito, un sistema di gestione informatica deve garantire una serie di elementi fondamentali:

  • la massima sicurezza e l'integrità di un sistema ben curato;
  • la registrazione di protocollo di ciascun documento con la massima puntualità e correttezza;
  • l'invio di informazioni relative ai collegamenti tra i vari documenti per prendere i giusti provvedimenti;
  • l'accesso consentito per i soggetti interessati alle informazioni del sistema;
  • l'organizzazione adeguata dei documenti nelle loro rispettive classificazioni d'archivio.

Nel complesso, si può ben intendere quanto una conservazione digitale dei documenti che segua le regole alla perfezione possa garantire notevoli vantaggi ad ogni realtà aziendale di natura pubblica o privata.

Come calcolare il food cost: le istruzioni

Sono sempre di più le attività che hanno bisogno di conoscere dettagliatamente alcuni aspetti legati al proprio business. Ecco perciò tutto quello che occorre sapere su come calcolare il food cost (scopri i consigli di Ristobusiness), un elemento di grande importanza nella gestione delle risorse economiche.

Come calcolare il food cost per un'attività

Sempre più ristoratori ed imprenditori del mondo alimentare vogliono sapere come poter procedere col calcolo dei costi della propria attività. Importante però partire da una doverosa premessa che renderà il calcolo ancor più immediato e utile per il proprio ristorante. Aumentare la produzione permette di fare economia di scala: si capisce facilmente se si pensa che una maggiore produzione permette di abbassare i costi dei vari prodotti.

Questo è un aspetto basilare nel mondo della ristorazione, ecco perché è fondamentale ricordare che in un ristorante la produzione è legata al numero dei coperti, ovvero incrementare il numero di clienti. La cosa più importante da ricordare è che un aumento di clienti comporta maggiori guadagni (obiettivo raggiunto dal punto di vista imprenditoriale), ma anche più costi.

Sì perché bisogna rendere efficiente lo spazio in sala, oltre a dover aumentare il personale a disposizione dei clienti. Diventa perciò importante sapere come calcolare il food cost per capire come diminuire il costo unitario dei prodotti senza determinare danni al bilancio aziendale.

Cosa rappresenta il food cost? Per il mondo della ristorazione il food cost è uno di quegli aspetti da non trascurare mai. Sì, mai. Perchè da questa valutazione nasce un'attività di successo e che possa garantire utilizzo di materie prime di un certo livello. Ecco perché il food cost non è altro che un insieme di quelli che sono i costi per la gestione di un ristorante.

Scendendo nel pratico, si tratta di un valore che si esprime in percentuale e viene ottenuto rapportando il prezzo per l'acquisto delle materie prime e quello a cui vengono vendute. La formula esatta, per usare un linguaggio matematico, è: Food Cost = (Costo piatto : Prezzo di vendita) x 100 Pensandoci dunque, le spese totali di un locale (costo del personale, materie prime e tutto ciò che riguarda la manutenzione) concorrono ad ottenere il valore percentuale di Food Cost. Non basta avere delle materie prime, in quanto esse non sono in grado di prepararsi da sole: serve necessariamente qualcuno che le sappia cucinare, qualcuno che le serva al tavolo, e così via.

Consigli su come calcolare il food cost

Ci sono sostanzialmente due modi per poter calcolare il food cost, si parla di quello consuntivo e quello preventivo. Nel primo caso si tiene conto delle spese sostenute per l'attività di ristorazione in un determinato lasso di tempo. Molto utile per valutare l'attività della stessa nel corso del tempo. Il food cost consuntivo si calcola tenendo conto di:

  • inventario materie prime;
  • spese dei dipendenti;
  • eventuali pranzi e cene offerti;
  • acquisti di alimenti nel periodo;
  • inventario complessivo di fine mese.

Il totale di questo numero va diviso per i ricavi complessivi del mese, e successivamente moltiplicato per 100. La percentuale ideale si aggira intorno al 35%. Per quel che riguarda invece il come calcolare il food cost preventivo, questo corrisponde al computo della spesa per un piatto singolo.

Serve per determinare i prezzi di un menu e può rivelarsi particolarmente utile. I parametri da considerare sono la taratura e le grammature di alimenti, oltre a tutte le spese sostenute per gli ingredienti.

Libro di public speaking: imparare a parlare in pubblico

Tante persone provano un certo imbarazzo nel momento in cui devono parlare in pubblico. Ecco perché un libro di public speaking, come quello di Massimiliano Cavallo potrebbe diventare un'ottima soluzione. 

L'importanza del public speaking

Molto spesso si sottovaluta quanto possa essere utile parlare in pubblico soprattutto dal punto di vista lavorativo. Si pensi, per esempio, a tutte quelle persone che tengono convegni o anche a coloro che si impegnano nel mondo della politica. Il public speaking è una delle tecniche comunicative più antiche e che ha sempre avuto un notevole successo su donne e uomini. Questa fa al caso di soggetti che vogliano affermare determinati concetti o anche dare risalto alla propria immagine.

Non sempre però si è in grado di farlo nel modo giusto o proprio di iniziare a parlare: ecco perché potrebbe diventare utile dare un'occhiata a un libro di public speaking o anche a dei corsi appositi. In tal modo si potrà superare quel blocco psicologico che si prova nel momento in cui si ha dinanzi una platea a cui dover comunicare qualcosa.

Diventa fondamentale perciò trovare la giusta soluzione affinché si riesca a dire addio a quel fastidioso imbarazzo che rischia anche di esporre a delle brutte figure. Parlare alle persone in maniera efficace ed usando una strategia comunicativa efficiente è necessario per qualsiasi professionista o persona che debba esprimere dei concetti. 

Il successo dei libri di public speaking

Un elemento fondamentale che bisogna sottolineare quando si parla di questa tematica è che è bene usare libri di public speaking o corsi idonei. Mai scegliere libri che diventino dei veri e propri trattati, lunghi da leggere, a tratti anche prolissi. Il testo deve coinvolgere e dare delle indicazioni utili, di semplice applicazione non solo per quanto concerne il tipo di linguaggio usato, ma anche tenendo conto delle svariate situazioni che potrebbero presentarsi.

Ecco perché è bene che un libro di public speaking venga letto creando una certa sintonia tra ciò che scritto e la persona che lo legge, dando vita ad una empatia molto proficua. Il che lascia intendere il motivo per cui sempre più persone usano questo tipo di soluzione per superare la paura di parlare in pubblico. Un rimedio efficace per medici, insegnanti alle prime armi e per tutti coloro che vogliano esprimere le proprie idee e i concetti nella maniera più chiara possibile. 

Conviene leggere un libro di public speaking?

A questa domanda è bene dare una risposta dato che sono numerosi coloro che vogliono superare i blocchi nel parlare in pubblico. Perciò è bene parlare dei vantaggi di leggere un libro che permette di accendere la mente e dare nuovi obiettivi ad essa. In tal modo ci si può allenare e si possono sfruttare i consigli in maniera effettiva.

Ovviamente riporre delle aspettative alte in un libro di public speaking potrebbe anche rivelarsi un'arma a doppio taglio visto e considerato che tanti potrebbero rimanere delusi dagli scarsi risultati. Se non si segue alla lettera ciò che viene riportato e non lo si fa con costanza è facile che si possa notare di non aver avuto un particolare beneficio.

Ecco perché leggere un libro va bene, ma bisogna darsi la giusta spinta affinché si possa migliorare e superare ogni forma di imbarazzo. Proprio questo è il segreto per dire basta all'ansia di parlare in pubblico e diventare dei loquaci oratori pronti ad esibirsi dinanzi a svariate platee.

Le spille personalizzate ed altri gadget aziendali per fidelizzare il cliente

Le spille personalizzate (scoprile tutte qui https://www.professionalpins.com/categoria-prodotto/spille/) ed altre tipologie di gadget possono rappresentare una importante risorsa per la crescita di un brand e quindi di un’azienda. Infatti, tra gli aspetti più rilevanti che un’azienda dovrebbe curare per sperare di avere un successo non solo nel breve periodo ma anche e soprattutto nel lungo periodo, è quello che gli inglesi chiamano brand awareness.

Con questo termine si indica la percezione che i clienti hanno di un determinato marchio ed in particolare identificandolo con un valore percepito più elevato e la capacità di fidelizzare il cliente.

L'importanza di questo aspetto è vitale per un'azienda in quanto offre nei clienti una percezione di professionalità e qualità. Non è un caso che tantissime aziende,  soprattutto multinazionali, spendano ogni anno enormi quantitativi di denaro per aumentare il brand awareness attraverso pubblicità, la sponsorizzazione dei principali eventi sportivi e culturali ma anche nella scelta di testimonial di eccezione come d'esempio vip, atleti di grande visibilità e tanto altro ancora. Insomma soltanto attraverso la creazione di una certa Immagina del proprio marchio e di fidelizzazione nel tempo del cliente si può aumentare il business della propria attività e soprattutto renderlo consolidato nel tempo.

Spille personalizzate e altre trovate pubblicitarie per aumentare il brand awareness

Per avere un business di successo a prescindere dal settore di competenza, è necessario creare e coltivare nel tempo un marchio solido che venga visto dal cliente come depositario di qualità, professionalità e serietà. Questo risultato può essere conseguito attraverso tempo, una pianificazione strategica e soprattutto tanto tanto lavoro.

Cerchiamo quindi di scoprire quali sono i primi passi per poter creare un marchio che nel tempo possa consolidarsi nel settore di riferimento e quindi fidelizzare i propri clienti in maniera tale da massimizzare il profitto. Il primo aspetto da curare è relativo all'identificazione di quello che si vuole ottenere con il proprio marchio e soprattutto quello il marchio debba rappresentare nell'immaginario dei clienti. Fatto questo si procederà con la fase di creazione dell'immagine del marchio ed in particolar scegliendo e realizzando il logo, l'imballaggio, predisponendo un servizio clienti che possa essere in linea con le proprie aspettative e soprattutto stimare quale sia il valore aggiunto che viene offerto dai prodotti messi a disposizione.

Il successivo piano passo è altrettanto importante in quanto sarà necessario far conoscere il marchio attraverso un'attività promozionale e di pubblicizzazione che dovrà essere rivolta a tutti i canali sfruttando al meglio anche il budget di cui si dispone.

I gadget aziendali permettono campagne di fidelizzazione efficaci ed economiche

Dopo aver delineato in maniera peculiare quelle che sono i tratti caratteristici del marchio si dovrà cercare di aumentare la percezione del valore dell’attività svolta agli occhi dei clienti e soprattutto fidelizzarli nel tempo. L’investimento, ovviamente, dovrà essere proporzionale a quello che il budget che si ha a  disposizione.

Naturalmente per le attività si affacciano per la prima volta in un determinato settore non è possibile pensare ad enormi risorse ma ci sono delle attività promozionali a basso costo che si dimostrano particolarmente efficaci. Il riferimento è soprattutto alla realizzazione di gadget promozionali. Uno studio sperimentale ha dimostrato come offrire ai propri clienti dei gadget promozionali permetta a quest'ultimi di avere un'immagine migliore dello stesso marchio. Inoltre questi avranno una maggiore tendenza nel parlare ad amici e parenti delle caratteristiche dei prodotti e dei servizi che vengono offerti. Insomma la pubblicità sarà ripetuta nel tempo senza ulteriori esborsi di denaro.

Tra l'altro secondo queste indagini di mercato, è stato appurato come i clienti apprezzino ricevere gadget. È necessario però valutare con estrema attenzione la tipologia di gadget promozionali sui quali investire prendendo in considerazione le caratteristiche del marchio ma anche e soprattutto le peculiarità del cliente tipo.

La scelta è molto vasta e soprattutto idonea per qualsiasi tipologia di budget come ad esempio spille personalizzate, chiavette usb, power bank, portachiavi, agendine, penne e tanto altro ancora.

L’importanza del corso da assicuratore online

Le conseguenze del lockdown si sono fatte sentire rapidamente nel mondo degli assicuratori, perché c'è stata una svolta rapida che ha portato verso un uso sempre più frequente del mezzo informatico rispetto alla soluzione tradizionale. In molti hanno deciso di approfittare di questo periodo per continuare a formarsi e a tenersi aggiornati con un buon corso per assicuratore online (scopri qiello di Assicuratore Facile), per accumulare competenze strategie ed informazioni da investire per un buon rientro economico in questa professione.

Una nuova strategia per il corso da assicuratore online

La strategia tradizionale, tutta orientata al prodotto assicurativo, non è decisamente adatta per questo momento, perché adesso occorrono procedure concrete e di rapida applicazione per poter cavalcare l'onda. In tanti si appigliano al fatto che fino ad ora il loro metodo è riuscito a garantirgli un certo livello economico, ma questo non si può accettare come un vero e proprio successo. Nessuno mette in dubbio che fino ad ora abbia funzionato e che in parte in futuro continuerà a garantire buone entrate e conseguenti avanzamenti di carriera, ma sono molte le cose da rivedere.

L'approccio migliore è quello che mette insieme i guadagni dell'assicuratore con l'ottimizzazione del profilo di rischio del cliente, per evitare che questi nel tempo provi disaffezione nei confronti del consulente.

Muoversi senza aver raccolto una grande quantità di informazioni utili ed averle organizzate in una maniera che ti offra dei vantaggi non è proponibile, a meno che tu non voglia impazzire dietro ad un numero, che si spera molto alto, di profili diversi. Un buon metodo che coniughi alti livelli di tutela per il cliente, margini elevati per l'intermediario e soprattutto il totale soddisfacimento delle normative per quanto riguarda l'adeguatezza non è facile da spiegare in poche righe.

Il nuovo corso delle assicurazioni

Un assicuratore nel 2020 deve poter parlare al suo cliente direttamente con in mano le informazioni per pensioni di invalidità, inabilità e superstiti, che sono letteralmente il minimo da padroneggiare per poter affrontare la professione.

Non si devono proporre soluzioni parziali come le garanzie per la premorienza e l'invalidità dai soli infortuni, optando invece per piani per il rimborso di spese mediche, magari con l'aggiunta di garanzie accessorie che non gravino troppo sul premio percepito, ma che risultino attrattive come piccolo investimento. Gli intermediari assicurativi spesso hanno comportamenti molto polarizzati: da una parte troviamo le sanguisughe e dall'altra gli imprenditori.

Le prime pretendono dalle compagnie soldi a fondo perduto, gli altri invece si stanno organizzando e stanno costruendo piani per diventare protagonisti nel prossimo futuro. Visto che la categoria assicurativa è estremamente versatile e ha continuato a lavorare anche durante il periodo del lockdown, è completamente assurdo cercare di drenare i fondi, quando invece è il momento buono per consolidare.

Le agenzie di qualità hanno rallentato un po' i loro flussi di cassa, ma quelle più organizzate e avanzate sono riuscite a vedere un decremento molto minore rispetto ad altre meno strutturate e più ancorate su vecchie modalità. È il momento di approfittare della situazione un po' confusa e caotica, non tanto per gettarsi a pesce sulle carcasse e racimolare pochi nuovi clienti, quanto per cominciare a rivedere i propri sistemi e metodi con corsi per imparare il nuovo lavoro.

Questo perché visto che il periodo di riassorbimento della crisi sarà estremamente lungo, è indispensabile cominciare a vederlo come una fase inesplorata ma ricca di promesse e non solo come un'aggiutamento della vita di prima.

Tutto il processo di una produzione video

I video sono disponibili in molte forme e dimensioni, da un semplice video per iPhone fino ai principali film di Hollywood. Per la maggior parte dei video, ci sono troppe variabili per lasciare al caso il processo.

 

Qual è il processo di produzione video?

 

La produzione video a Milano, così come a Torino o Hollywood, è uguale per tutti ed è molto più della semplice pressione del pulsante di registrazione sulla videocamera.

 

Il processo di creazione di un video dall'idea al completamento consiste in tre fasi: pre-produzione, produzione e post-produzione. La fase uno (Pre-produzione) è dove avvengono tutte le attività di pianificazione e coordinamento, la fase due (Produzione) è quando catturi tutti gli elementi che saranno nel tuo video finale e la fase tre (Post-produzione) è dove tutti gli elementi vengono modificati insieme e combinati per creare il video finale.

 

Fase uno: pre-produzione

 

Il primo passo nel processo di creazione di un video riguarda la preparazione e l'impostazione delle basi. Durante questa fase, è essenziale eseguire la pianificazione, la ricerca, la risoluzione dei problemi e l'organizzazione necessari per impostare il progetto video per avere successo.

 

La fase di pre-produzione comprende:

 

  •  Strategia / obiettivi video

  • Budget / portata

  • Selezione della storia

  • Cronologia del progetto

  • Creazione di script

  • Squadra di produzione / fabbisogno di attrezzature

  • Scouting delle location

 

È importante condurre una serie di incontri. Ancora una volta, questo processo varierà in base al team e all'ambito del progetto, ma qui ci sono alcune basi per aiutarti a iniziare.

 

  1. Ricerca dei fatti: riunisci le parti interessate della tua azienda e il nostro team di produzione video per discutere lo scopo, la strategia e gli obiettivi del tuo progetto video e come verrà utilizzato dopo la sua finalizzazione. Questa è la parte del processo in cui vorrai comunicare cose come il marchio, il pubblico di destinazione e il tono e la sensazione per il pezzo.

 

  1. Riunione pre-produzione: questa riunione si svolge in genere tra il nostro team di servizi multimediali e la persona principale del progetto. Assicurati di impostare la sequenza temporale, identificare i personaggi e finalizzare i dettagli della posizione. Questa riunione può essere effettuata al telefono o di persona.

   

  1.  Visita della location: a seconda della complessità delle riprese, può essere utile effettuare una visita del sito nella propria posizione, soprattutto se né il produttore né il videografo lo hanno visto;

 

  1.   Preparazione delle riprese: prima di presentarsi sul posto per le riprese, il nostro team assicurerà che gli script siano stati esaminati e approvati, che le domande sul colloquio siano state discusse, i personaggi siano controllati, il programma sia finalizzato e le location siano confermate. Tutti questi dettagli contribuiranno a garantire che la fase di produzione proceda senza intoppi.

 

Fase due: produzione

 

Gli incontri sono finiti, la preparazione è completa. Ora è tempo di divertirsi! La fase di produzione è dove acquisisci tutte le interviste e i filmati per il tuo video. Questa è la parte in cui la storia inizia a prendere vita.

 

La fase di produzione è dove verranno catturate tutte le materie prime per il tuo video. Se hai visioni, idee o elementi visivi specifici che desideri includere nel prodotto finale, assicurati di averlo comunicato chiaramente al produttore prima della fine della fase di produzione.

 

La fase di produzione comprende:

 

  • Installazione del suono / illuminazione / apparecchiature video

  • Conduzione di interviste

  • Registrazione di voci fuori campo (se necessarie per il tuo progetto)

  • Catturare il b-roll (materiale extra utilizzato per supportare la tua storia)

 

Soprattutto se si utilizza un team di video esterno, si consiglia al punto principale che si trova sul posto di agire come canale tra il produttore di video e il proprio marchio.

 

Fase tre: post-produzione

 

Al termine della fase di produzione, il produttore e l'editore vanno al lavoro. Durante la fase di post-produzione, il team di produzione video inizierà il processo di organizzazione, pianificazione e modifica del video effettivo.

 

Il produttore esaminerà attentamente tutte le riprese e trascriverà tutte le interviste condotte. Quindi, assembleranno la storia e l'editor video farà la loro magia per riunire tutti i pezzi.

 

La fase di post- produzione comprende:

 

  • Registrazione delle interviste

  • Produrre la storia finale

  • Selezione di musica

  • Montaggio video

  • Recensioni / approvazioni

  • Consegna finale

 

Il tuo team di produzione video gestirà tutti gli aspetti fondamentali per dare vita al tuo progetto. Quindi, siediti e aspetta che accada la magia. Questo processo richiede un po 'di tempo e creatività, quindi non aspettarti che accada durante la notte.

 

Ogni azienda di produzione avrà tempistiche diverse per la fase di post-produzione, ma è possibile pianificare che ci vorranno circa 6-8 settimane a meno che non sia stata discussa un'altra sequenza temporale.

 

Una volta che il nostro team di video ha creato una bozza del progetto video, sarà il momento per il tuo punto di riferimento del progetto e le parti interessate chiave di tornare indietro nel mix:

 

  • Approvazione iniziale e revisioni: una volta modificata la versione iniziale del video, è tempo di rivedere il lavoro. Supponendo che ci siano alcune modifiche che devono essere apportate, il processo di revisione può iniziare. Se lavori con un'azienda di video, potrebbe esserci un numero predefinito di revisioni o ore dedicate alle revisioni;

 

  • Consegna finale: una volta finalizzato e approvato il video, è tempo di esportare il video nel suo formato finale. Tutte le piattaforme (YouTube, Facebook, ecc.) Hanno specifiche leggermente diverse per una riproduzione video ottimale. Questo dovrebbe essere discusso approfonditamente nel processo di pre-produzione.

 

DT Circle per utenti DT Coin

Sicuramente avrete già sentito parlare di DT COIN: si tratta di una criptomoneta ideata dall’imprenditore italiano Daniele Marinelli, che da quando è stata immessa sul mercato, è già cresciuta in maniera incredibilmente rapida, incontrando immediatamente il consenso degli utenti. Ma qual è il segreto del successo e dell’affidabilità del DT COIN? Innanzitutto, l’equipe tecnica messa su da Daniele Marinelli, che è quanto di meglio il panorama mondiale possa offrire: analisti, sviluppatori ed esperti in economia digitale che hanno dato vita ad una criptovaluta realmente spendibile. Una dimensione che diventa finalmente fisica quindi, e non solo virtuale. Il plus di questa moneta virtuale, l’ingrediente che gli dà una marcia in più rispetto le tante altre in circolazione, è il network DT Circle. Si tratta di un ambiente creato apposta per rendere la propria esperienza su internet monetizzabile, cioè un mondo di servizi dove gli utenti possono trasformare in DT Coin tutte le proprie esperienze condivise e dove è possibile anche fruire di corsi di alta formazione, interagire con gli altri utenti, fare acquisti ed effettuare pagamenti e anche aprire un conto corrente bancario. Ma quali sono i servizi e le esperienze che possiamo trasformare in moneta digitale DT Coin? Per dare un’idea, ecco di seguito solo alcuni ambienti e servizi di cui l’utente può usufruire sulla piattaforma DT Circle:

DT Live: si tratta di un vero e proprio social network dove è possibile interagire con gli altri utenti e condividere così le proprie esperienze (naturalmente, ad ogni azione verrà corrisposto un pagamento in DT Coin)

DT Academy: dove si ha la possibilità di partecipare a moltissimi corsi di formazione a cui l’utente può partecipare. Naturalmente dopo aver acquisito nuove competenze, l’utente potrà condividerle su DT Circle monetizzando anche queste in DT Coin. DTCOIN Academy in particolare, offre moltissime occasioni di formazione e, attraverso meeting ed incontri, mette a disposizione la possibilità di partecipare ad un networker in grado di contribuire alla rivoluzione nel mondo del mercato monetario, sia in Italia che nel mondo.

DT Charity: il luogo di DT Circle dove si ha la possibilità di finanziare, proporre o partecipare a progetti benefici.

DT Merchant: è dove si incontrano i compratori e i venditori, il luogo dove poter promuovere, vendere o acquistare prodotti e servizi.

Un sistema limpido e soprattutto sicuro, che consente senza problema alcuno al DT Coin di essere probabilmente la moneta digitale tra le più affidabili al mondo.

SEO web agency, attività e servizi

Una SEO web agency è esperta nel settore del marketing per poter incrementare il vostro business.

Attraverso la tecnologia l'obiettivo di questa agenzia è quello di realizzare un negozio online al meglio delle aspettative, ovviamente in base alle richieste e alle esigenze del cliente.

I risultati che si ottengono sono al quanto notevoli, questo grazie alla piattaforma che risulta essere veloce e molto produttiva.

Le strategie di marketing offerte da una SEO agency

Le strategie di mareting che questo tipo di ecomerce-agency adotta sono finalizzate per garantire alle aziende il raggiungimento dei loro scopi.

Il marchio dell'azienda acquista più notorietà sul web e non solo anche i servizi e i prodotti trattati hanno più visibilità attraverso internet.

Una SEO agency a Roma, come nelle altri grandi città, provvede automaticamente a effettuare dei controlli e delle verifiche per valutare l'andamento dei risultati e delle performance.

Marketing e soluzioni complete per il web

Ad operare per garantire un servizio del tutto soddisfacente sono i professionisti del settore che forniscono supporto alle imprese,grazie a dei consigli che suggeriscono all'azienda per poter agire nei modi più astuti e strategici possibili per il raggiungimento dell'obiettivo mirato.

Il budget investito viene calcolato al meglio che si può, infatti per rendere possibile tutto questo vengono attuate delle verifiche di mercato e di business.

Il servizio SEO

Come ben sappiamo per far spiccare e brillare la propria azienda oggi è importante avvalersi della tecnologia SEO.

Attraverso questa nuova modalità è possibile studiare le keywords per rendere il sito web ottimo e funzionale sotto tutti i punti di vista.

Quello a cui punta questa strategia consiste nel far ottenere i primi posti al sito dell'impresa all'interno dei motori di ricerca, inoltre riesce a far collocare quindi tra i primi posti in classifica la pagina per poter essere sempre visibile.

Altri servizi di una web agency

I servizi che una SEO agency offre sono decisamente utili per avere una prestazione eccellente.

A gestire lo shop online delle imprese ci pensano gli e-commerce provider, i consulenti e gli sviluppatori, questi si impegnano al massimo per poter gestire e curare ad esempio uno degli aspetti fondamentali per poter accattivare il cliente.

Software development

Un'altro dei servizi riguarda il Software Development, quello di cui si occupa riguarda di trovare il motore adatto per poter garantire un prodotto eccellente, sono inevitabili quindi le verifiche e i controlli necessari per realizzare gli obiettivi che l'azienda intende raggiungere.

Traslocare al centro Italia: i luoghi più ideali e i costi medi

Tutto ciò che c’è da sapere per trasferirsi nel centro Italia

La tua città ti ha stancato e vuoi cambiare o devi traslocare per esigenze lavorative?

Il centro Italia è ricco di luoghi perfetti per tutte le esigenze, con un ricco mercato del lavoro e tantissime opportunità per divertirsi.

Traslocare sul territorio nazionale è molto facile, e se si sa come muoversi si può risparmiare sul servizio di trasferimento dei propri beni senza incorrere in imprevisti.

Una statistica condotta dal portale Immobiliare.it dice che, in media, si cambia casa o ufficio 4 volte nell’arco di una vita – una ricerca effettuata su un campione di 15.000 persone in Italia. Vediamo dunque i luoghi più desiderati del centro Italia e come muoversi durante il procedimento del trasloco.

Le città più belle del centro Italia

Il centro Italia può vantare di secoli di storia, che lo rendono un autentico museo all’aperto.

La prima città ricca di cultura e bellezza è decisamente Firenze, capoluogo toscano bagnato dal fiume Arno particolarmente apprezzata dai turisti di tutti il mondo.

Tra i luoghi più affollati troviamo la cattedrale di Santa Maria del Fiore, il Ponte Vecchio con le caratteristiche botteghe orafe e la Galleria degli Uffizi, in cui sono contenute opere di artisti di fama internazionale tra cui Giotto, Michelangelo, Caravaggio, Botticelli e Leonardo.

Passando invece all’Umbria troviamo Perugia, che può vantare una longeva attività di polo universitario oltre all’ospitare eventi di portata non indifferente come l’Umbria Jazz e l’Eurochocolate. Nella Galleria Nazionale dell’Umbria sono custodite opere di rilievo eseguite da Pinturicchio, Piero della Francesca e dal Perugino. Da non perdere è inoltre la Biblioteca Augusta, una delle più antiche e importanti d’Italia.

Non si può non parlare del Lazio, e non si può non iniziare dalla sua Capitale. Roma da sola potrebbe meritare una visita di più settimane in ogni stagioni, con attrattive offerte che non si fermano solo alla città eterna. Meno noti sono gli antichi borghi, come Calcata o Civita di Bagnoregio, entrambi in provincia di Viterbo ed entrambi questi borghi godono di un fascino fuori dal tempo.

L’Abruzzo è probabilmente la meno nota tra le regioni dell’Italia centrale, ma non per questo meno ricca di luoghi di spicco. Una delle cose da non perdere è il Parco Nazionale d’Abruzzo, con la sua natura incontaminata, animali selvatici e panorami mozzafiato. Chi preferisce invece le zone più urbane troverà i borghi di Pescasseroli, con i suoi affascinanti vicoli, e Barrea.

Il costo di un trasloco e i fattori che lo influenzano

Il costo di un trasloco è estremamente variabile, in base a tantissimi fattori.

Primo fra tutti è la distanza dalla destinazione, seguita dalla quantità di oggetti che bisogna trasportare.

Si può risparmiare prenotando in anticipo il trasloco presso una ditta specializzata, effettuando il trasporto personalmente se non si hanno oggetti di particolare ingombro oppure abbandonando gli oggetti che potrebbero non servirci nella nostra nuova casa.

In media un trasloco presso il centro Italia ha un costo di circa 800€, un costo molto flessibile in base alla ditta che si sceglie di utilizzare e ai servizi di cui si decide di usufruire.

Traslochi a Caserta fai da te: consigli e trucchi

Chi di voi avrà già affrontato un trasloco saprà quanto questo sia stressante e quanto sia faticoso e ricco di sorprese, spesso negative, che ci fanno pentire tantissimo del fatto di non aver scelto una soluzione, magari più costosa, ma meno faticosa.

Chi vive a Caserta saprà sicuramente quanto è caotica, frenetica e stressante già di suo la città. Il connubio Caserta e trasloco quindi non può che essere distruttivo.

Affidarsi quindi ad una ditta di traslochi specializzata, sicuramente può ovviare a determinati imprevisti ma farne presentare altri di natura economica. Infatti le aziende solitamente sono prontissime a tutto, sempre in cambio di ingenti quantità monetarie.

Vediamo ora alcuni consigli che apparentemente possono sembrare banali, ma che in realtà sono fondamentali per fare in modo che il nostro trasloco fai da te, sia un trasloco di successo.

TRE CONSIGLI SU COME AFFRONTARE UN TRASLOCO FAI DA TE

Ci sono diversi problemi nei quali si può incorrere durante un trasloco, alcuni più banali, mentre altri più difficili da affrontare e risolvere. A seguire leggerai qualche consiglio per evitare o quantomeno per risolvere i problemi, prima che diventino ingestibili.

  1. Il primo consiglio: è sicuramente inerente all’organizzazione del trasporto in sé. È molto difficile organizzarsi da soli senza incorrere in problemi di spazio, (quindi conseguentemente un aumento del numero di viaggi, cosa che nel traffico di Caserta non mi sento di augurare a nessuno), anche relativamente al parcheggio, soprattutto se parliamo di zone centrali.

Ci saranno sicuramente molti problemi per trovare dei parcheggi, anche carico e scarico, nei quali sostare giusto il tempo di scaricare il veicolo e spostare gli oggetti in casa. Una ditta non conosce questi problemi.

L’unica soluzione quindi è oranizzarsi per bene e ricorrere all’aiuto dei propri amici, che in questo caso si comporteranno come una vera e propria ditta,ad esempio, scaricare in fretta e con tante braccia la merce, così che il camion, anche se parcheggiato in doppia fila, non disturbi affatto o il minimo possibile, il corretto flusso del traffico.

  1. Il secondo consiglio: è di natura logistica, e vi eviterà tutti quei problemi per quanto riguarda l’imballaggio e lo stock della merce. Vi consiglio di catalogare gli oggetti in base alla fragilità, così che possiate procedere ad un ritmo più spedito .

Oltre al fatto che organizzarsi da soli anche in questo caso non è una saggia idea, conviene infatti noleggiare un furgone perché fare migliaia di viaggi con la propria auto spesso si rivela più dispendioso.

  1. Il terzo consiglio: consiste nel pianificare tutto il lavoro che si dovrà affrontare questo perchè non sempre ci rendiamo realmente conto di ciò che abbiamo a casa, fin quando non dobbiamo portarlo fuori; è quello che concerne dimensioni di mobili e scatoloni, se stiamo traslocando in un’abitazione ai piani alti, ma i nostri mobili non passano per la rampa delle scale, questo è un problema molto grave, ma risolvibile.

È molto più stressante e dispendioso sicuramente se decidiamo per il fai da te. In questo caso dovremmo affittare un camion con cestello elevatore e portare i mobili dalla finestra, ma comunque più economico.

Abbigliamento, costumi, vestiti intelligenti. Non solo una questione di marketing

La moda è un fenomeno che accompagna la società sin dai tempi antichi e non è difficile trovarne tracce in testi risalenti al periodo romano o ancor prima; nel corso dei millenni, i costumi sociali si sono evoluti in modo da rispecchiare tendenze, sogni e necessità delle varie popolazioni, sicché quello della moda è infine diventato uno dei settori più importanti per ogni tipologia di gruppo sviluppato.

Se però dalla fine del XIX secolo l’abbigliamento è stato sempre supportato da grandi operazioni di marketing per mezzo delle quali espandere la portata di alcuni business, fino al punto che oggi alcuni capi d’abbigliamento vengono pubblicizzati attraverso soluzioni che impiegano molte più risorse di quante ne servano per produrli, di recente invece è possibile assistere alla nascita di una variegata quantità di aziende che puntano tutto sulla qualità dei vestiti – vedi ad esempio i costumi e bikini di Zaful, recensioni su RecensioneItalia– lasciando che la pubblicità si generi da sola per mezzo del passa parola e delle opinioni degli utenti che desiderano promuovere quei capi d’abbigliamento che li soddisfano maggiormente.

Dal semplice tessuto ai vestiti intelligenti

Tra gli eventi più interessanti nel settore abbigliamento, l’introduzione dell’intelligenza artificiale e la creazione di vestiti intelligenti, sembrano essere quelli che premettono maggiori novità, non fosse altro che si tratta di strumenti in fase di sviluppo e che ogni giorno consentono la creazione di capi d’abbigliamento con funzioni sempre più avanzate.

Dalle giacche in grado di esaminare i valori fisiologici di chi le indossa, a pantaloni che ricaricano lo smartphone sfruttando l’energia generata dalla camminata, magliette per ciclisti che riescono a comunicare le intenzioni dello sportivo a pedoni e veicoli nelle vicinanze, così come costumi da bagno interconnessi a dispositivi digitali e sciarpe scalda collo con airbag incorporati. Tutti vestiti di ultima generazione, che impiegano le risorse tecnologicamente più avanzate per migliorare il modo in cui ciascun individuo può godere del proprio benessere e che, proprio grazie a limitate operazioni di marketing, vengono oggi messi a disposizione con prezzi alla portata di tutti.

Cosa ci si aspetta per il futuro?

È difficile prevedere quali saranno i prossimi sviluppi del settore abbigliamento, anche perché a ben vedere ogni giorno è possibile assistere alla nascita di innovazioni che solo il giorno prima si pensava impossibili; nonostante questo però, è alquanto evidente che se da un lato vi sono ancora aziende vecchio stampo, attente soprattutto ad espandere il nome del loro brand, d’altro canto moltissimi nuovi attori stanno puntando tutto su prodotti intelligenti low cost, con la conseguenza di un abbassamento dei prezzi dei vestiti smart ed una maggiore personalizzazione degli stessi.

Presto pertanto, sarà possibile usufruire di vestiario personalizzato in ogni dettaglio, con tessuti scelti sulla base delle proprie necessità fisiche, colori intercambiabili, forme uniche e funzioni sviluppate in relazione ai bisogni che si desidera supportare: già oggi, collegandosi ad alcune piattaforma online, è possibile prendere visione della grande varietà di vestiti intelligenti a supporto di qualsiasi tipologia di utente e, in alcuni casi, usufruire di interessanti offerte per l’acquisto degli stessi.

Integratori per la caduta capelli e salute in generale

In un mondo che impone ogni giorno ritmi frenetici, appare normale che stress e stanchezza siano due costanti della vita della maggior parte delle persone che abita la società avanzata; le informazioni da tenere a mente crescono in modo esponenziale senza sosta, l’automazione dei processi produttivi dimezza le tempistiche necessarie all’azione e di conseguenza, molti individui rischiano di perdere quella vitalità di così fondamentale importanza nell’esistenza di ognuno.

Per venire incontro alle specifiche esigenze di ogni utente e aiutare così la popolazione a riacquisire il proprio benessere, alcune piccole e grandi aziende hanno puntato la loro attenzione su integratori alimentari di ultima generazione – vedi ad esempio per la perdita dei capelli Annurkap, che propone integratori e compresse contro la caduta– che, grazie ai nutrienti di qualità per mezzo dei quali vengono realizzati, costituiscono un valido supporto a chi è in cerca di un aiuto che gli consenta di ritrovare il propria salute.

Dai bambini agli adulti

Il mondo degli integratori alimentari è un settore da sempre sottoposto a importanti diatribe, poiché se un lato c’è chi vi si scaglia contro additando simili accessori per la salute come elementi artificiali che destabilizzano la naturalezza dell’organismo, d’alto canto vi sono una grandissima quantità di attori che, sulla base di studi scientifici, tende a mettere in risalto come l’essere umano, proprio per il fatto di vivere in società sempre più artificiali che inficiano i normali cicli vitali alla base del benessere psico-fisico, è ormai divenuta una creatura che, in un modo o nell’altro, necessita di piccoli aiuti a supporto della sua salute.

Dai bambini agli adulti, chiunque può trovare oggi gli integratori alimentari che fanno al caso proprio e rivolgendosi presso una delle piattaforme online di nuova generazione, non solo ogni utente può sempre trovare i particolari prodotti che cerca, ma soprattutto usufruire del supporto di team di specialisti per avere maggiori informazioni in merito agli integratori ed alle sostanze che vengono utilizzare come base per la creazione degli stessi; alcune aziende virtuose lavorano con dedizione per fornire alla clientela soltanto prodotti di qualità e certificati sulla base delle ultime normative internazionali del settore.

Imparare a rivolgersi al nutrizionista
In una società come la nostra, dove i bisogni si moltiplicano con quotidianità e le persone tendono a presentare esigenze sempre più personalizzate, chiunque desideri badare alla propria salute e usufruire dei benefici degli integratori alimentari, dovrebbe anzitutto parlare con un esperto del settore che sia in grado di consigliare la strada da seguire, tenendo in considerazione la salute generale dell’individuo.

Gli integratori costituiscono infatti un supplemento a corpo e mente, e pertanto devono essere utilizzati di concerto con diete equilibrate, ritmi giornalieri rilassanti e stili di vita ottimali, poiché a ben vedere è proprio da questi fattori primari che dipende l’efficienza degli stessi e quindi, il benessere quotidiano di cui può godere ogni persona: coloro che sono maggiormente interessati all’argomento, possono inoltre prendere visione delle piattaforme di recensioni come ad esempio RecensioneItalia, per conoscere le opinioni degli utenti e apprendere così dettagli personali che aiutino nella scelta degli integratori che si desidera acquistare.