Abbigliamento, costumi, vestiti intelligenti. Non solo una questione di marketing

La moda è un fenomeno che accompagna la società sin dai tempi antichi e non è difficile trovarne tracce in testi risalenti al periodo romano o ancor prima; nel corso dei millenni, i costumi sociali si sono evoluti in modo da rispecchiare tendenze, sogni e necessità delle varie popolazioni, sicché quello della moda è infine diventato uno dei settori più importanti per ogni tipologia di gruppo sviluppato.

Se però dalla fine del XIX secolo l’abbigliamento è stato sempre supportato da grandi operazioni di marketing per mezzo delle quali espandere la portata di alcuni business, fino al punto che oggi alcuni capi d’abbigliamento vengono pubblicizzati attraverso soluzioni che impiegano molte più risorse di quante ne servano per produrli, di recente invece è possibile assistere alla nascita di una variegata quantità di aziende che puntano tutto sulla qualità dei vestiti – vedi ad esempio i costumi e bikini di Zaful, recensioni su RecensioneItalia– lasciando che la pubblicità si generi da sola per mezzo del passa parola e delle opinioni degli utenti che desiderano promuovere quei capi d’abbigliamento che li soddisfano maggiormente.

Dal semplice tessuto ai vestiti intelligenti

Tra gli eventi più interessanti nel settore abbigliamento, l’introduzione dell’intelligenza artificiale e la creazione di vestiti intelligenti, sembrano essere quelli che premettono maggiori novità, non fosse altro che si tratta di strumenti in fase di sviluppo e che ogni giorno consentono la creazione di capi d’abbigliamento con funzioni sempre più avanzate.

Dalle giacche in grado di esaminare i valori fisiologici di chi le indossa, a pantaloni che ricaricano lo smartphone sfruttando l’energia generata dalla camminata, magliette per ciclisti che riescono a comunicare le intenzioni dello sportivo a pedoni e veicoli nelle vicinanze, così come costumi da bagno interconnessi a dispositivi digitali e sciarpe scalda collo con airbag incorporati. Tutti vestiti di ultima generazione, che impiegano le risorse tecnologicamente più avanzate per migliorare il modo in cui ciascun individuo può godere del proprio benessere e che, proprio grazie a limitate operazioni di marketing, vengono oggi messi a disposizione con prezzi alla portata di tutti.

Cosa ci si aspetta per il futuro?

È difficile prevedere quali saranno i prossimi sviluppi del settore abbigliamento, anche perché a ben vedere ogni giorno è possibile assistere alla nascita di innovazioni che solo il giorno prima si pensava impossibili; nonostante questo però, è alquanto evidente che se da un lato vi sono ancora aziende vecchio stampo, attente soprattutto ad espandere il nome del loro brand, d’altro canto moltissimi nuovi attori stanno puntando tutto su prodotti intelligenti low cost, con la conseguenza di un abbassamento dei prezzi dei vestiti smart ed una maggiore personalizzazione degli stessi.

Presto pertanto, sarà possibile usufruire di vestiario personalizzato in ogni dettaglio, con tessuti scelti sulla base delle proprie necessità fisiche, colori intercambiabili, forme uniche e funzioni sviluppate in relazione ai bisogni che si desidera supportare: già oggi, collegandosi ad alcune piattaforma online, è possibile prendere visione della grande varietà di vestiti intelligenti a supporto di qualsiasi tipologia di utente e, in alcuni casi, usufruire di interessanti offerte per l’acquisto degli stessi.

Integratori per la caduta capelli e salute in generale

In un mondo che impone ogni giorno ritmi frenetici, appare normale che stress e stanchezza siano due costanti della vita della maggior parte delle persone che abita la società avanzata; le informazioni da tenere a mente crescono in modo esponenziale senza sosta, l’automazione dei processi produttivi dimezza le tempistiche necessarie all’azione e di conseguenza, molti individui rischiano di perdere quella vitalità di così fondamentale importanza nell’esistenza di ognuno.

Per venire incontro alle specifiche esigenze di ogni utente e aiutare così la popolazione a riacquisire il proprio benessere, alcune piccole e grandi aziende hanno puntato la loro attenzione su integratori alimentari di ultima generazione – vedi ad esempio per la perdita dei capelli Annurkap, che propone integratori e compresse contro la caduta– che, grazie ai nutrienti di qualità per mezzo dei quali vengono realizzati, costituiscono un valido supporto a chi è in cerca di un aiuto che gli consenta di ritrovare il propria salute.

Dai bambini agli adulti

Il mondo degli integratori alimentari è un settore da sempre sottoposto a importanti diatribe, poiché se un lato c’è chi vi si scaglia contro additando simili accessori per la salute come elementi artificiali che destabilizzano la naturalezza dell’organismo, d’alto canto vi sono una grandissima quantità di attori che, sulla base di studi scientifici, tende a mettere in risalto come l’essere umano, proprio per il fatto di vivere in società sempre più artificiali che inficiano i normali cicli vitali alla base del benessere psico-fisico, è ormai divenuta una creatura che, in un modo o nell’altro, necessita di piccoli aiuti a supporto della sua salute.

Dai bambini agli adulti, chiunque può trovare oggi gli integratori alimentari che fanno al caso proprio e rivolgendosi presso una delle piattaforme online di nuova generazione, non solo ogni utente può sempre trovare i particolari prodotti che cerca, ma soprattutto usufruire del supporto di team di specialisti per avere maggiori informazioni in merito agli integratori ed alle sostanze che vengono utilizzare come base per la creazione degli stessi; alcune aziende virtuose lavorano con dedizione per fornire alla clientela soltanto prodotti di qualità e certificati sulla base delle ultime normative internazionali del settore.

Imparare a rivolgersi al nutrizionista
In una società come la nostra, dove i bisogni si moltiplicano con quotidianità e le persone tendono a presentare esigenze sempre più personalizzate, chiunque desideri badare alla propria salute e usufruire dei benefici degli integratori alimentari, dovrebbe anzitutto parlare con un esperto del settore che sia in grado di consigliare la strada da seguire, tenendo in considerazione la salute generale dell’individuo.

Gli integratori costituiscono infatti un supplemento a corpo e mente, e pertanto devono essere utilizzati di concerto con diete equilibrate, ritmi giornalieri rilassanti e stili di vita ottimali, poiché a ben vedere è proprio da questi fattori primari che dipende l’efficienza degli stessi e quindi, il benessere quotidiano di cui può godere ogni persona: coloro che sono maggiormente interessati all’argomento, possono inoltre prendere visione delle piattaforme di recensioni come ad esempio RecensioneItalia, per conoscere le opinioni degli utenti e apprendere così dettagli personali che aiutino nella scelta degli integratori che si desidera acquistare.

Portabici da auto Thule: una recensione sincera

Tutti coloro che praticano uno sport affascinante come il ciclismo molto spesso non sentono la necessità di dover prendere l'automobile per spostarsi ma in alcuni casi, come quando ad esempio si deve raggiungere un itinerario cicloturistico non facilmente accessibile, l'automobile diventa necessaria per poter raggiungere questi posti. Nell'ipotesi in cui si viaggia da soli la bicicletta può essere facilmente trasportata semplicemente reclinando il sedile posteriore della vettura. Ma quando si è almeno in due come si risolve il problema? La soluzione è molto semplice e si chiama portabici da auto. Di seguito analizzeremo alcuni elementi principali di questi dispositivi soffermandoci sulle tipologie presenti sul mercato e su quelli proposti da uno dei brand più affermati sul mercato, cioé Thule.

Principali tipologie di portabici per auto

Usualmente i portabici da auto sono suddivisi in tre principali tipologie:

  • portabici da tetto;
  • portabici per il gancio di traino dell'automobile;
  • portabici per il portellone posteriore dell'automobile.

I portabici da tetto sono costituiti da un binario all'interno del quale vengono incastrate le ruote della bicicletta; dispongono inoltre di un braccio movibile che ha il compito di bloccare il tubo obliquo della bici. Alcuni modelli di questo tipo di portabici permettono di assicurare l'aggancio direttamente sulla forcella in modo da avere la bicicletta in una posizione più bassa ma si ha poi la necessità di trasportare la ruota anteriore separatamente. Elemento fondamentale per essere certi che la bicicletta risulti perfettamente assicurata è quello di avere delle barre portatutto di qualità per l'auto. Il portabici da gancio di traino, come dice lo stesso nome, deve essere fissato all'apposito gancio dell'automobile. I modelli standard sono caratterizzati da un tubo verticale fissato al gancio dal quale dipartono due tubi orizzontali sui quali andrà fissata la bicicletta. Parliamo infine dei portabici per il portellone che si basa su un sistema che prevede l'uso di ganci e fascette che trovano collocazione nelle fessure intorno al portellone dell'automobile. Rappresenta la soluzione ideale in tutti quei casi in cui una vettura non dispone del gancio di traino.

Perché scegliere un portabici da auto Thule

Fin dal lontano 1942, il brand svedese Thule si è occupato della progettazione e della realizzazione di accessori destinati al trasporto di sci, tavole e biciclette. Nel corso degli anni, la produzione si è ampliata e comprende anche altri tipi di prodotti ma quelli che iniziali rappresentano ancora il core business aziendale e risultano particolarmente apprezzati dai clienti. Il punto di forza dei prodotti di quest'azienda, e nello specifico dei portabici da auto, è dato dall'elevata qualità dei materiali utilizzati per realizzarli e la grande attenzione che viene data al processo di fabbricazione. Ciò permette di arrivare a prodotti caratterizzati da una notevole affidabilità a dalla totale assenza di difetti di fabbricazione. Se proprio vogliamo trovare un aspetto negativo nei portabici Thule, ma anche sugli altri prodotti, lo identifichiamo nel manuale delle istruzioni per il montaggio che risulta essere scritto in una modalità non proprio chiarissima e sopratutto con caratteri molto piccoli. In ogni caso, si tratta di un limite facilmente superabile grazie al web sul quale è possibile trovare i tutorial per il montaggio dei diversi prodotti Thule. Anche i portabici di questo brand sono differenziati nelle principali tipologie che abbiamo già analizzato. Una delle principali caratteristiche che risultano molto apprezzate dagli appassionati di biciclette è quella che i portabici Thule risultano molto versatili e permettono quindi di poter essere utilizzati con diversi modelli di bici. Analizzando in linea generale i portabici da tetto della casa produttrice svedese, la maggior parte di essi risultano compatibili con le barre portatutto a canalina a T, nelle misure 20×20 o 24×30 millimetri, e riescono ad avere una capacità di carico massima pari a 17 Kg, quindi per una sola bici. Se le barre sono invece di tipo rettangolare è necessario acquistare a parte uno specifico adattatore per permettere il fissaggio. Sia questa operazione che il bloccaggio della bici sono molto semplici da effettuare. Allo stesso modo, anche i portabici Thule per portellone posteriore risultano una delle maggiori scelte effettuata da tutti coloro che hanno necessità di trasportare una o più biciclette. Il principale vantaggio di questo tipo di portabici è dato dalla facilità con la quale vengono fissati sul retro della vettura. Le pinze e i ganci sono particolarmente resistenti e possono essere regolati in base al tipo di automobile su cui il portabici viene montato. Una volta terminate le operazioni di montaggio la bici può essere fissata al portabici e al portellone tramite il sistema di fissaggio Thule Lock. Progettato in modo da rendere visibili sempre le luci posteriori del veicolo e la targa. Anche nei portabici da gancio posteriore, Thule si distingue per l'eccezionale qualità dei suoi prodotti. La maggior parte dei portabici, infatti, dopo essere stati fissati al gancio di traino sono dotati di un particolare effetto basculante che assicura l'accesso al bagagliaio anche quando le bici sono caricate. Il sistema di fissaggio è caratterizzato da un sistema di aggancio basato su scalanature che insieme alle cinghie tengono ancorate le bici in maniera perfetta senza pericolo di caduta.

Come trovare oggetti usati su aaannunci.it, il migliore sito di annunci

Come trovare oggetti usati su aaannunci.it, il migliore sito di annunci

Il sito www.aaannunci.it si occupa di annunci di vario tipo ed è gestito da Dusan Zalenka, che detiene anche la proprietà del portale. Il sito funziona da intermediario tra chi desidera acquistare qualcosa e chi invece vende. La particolarità di questo sito internet è quella di inserire il proprio annuncio in maniera veloce e totalmente gratuita. In questo modo sia che vogliate vendere oppure comprare qualcosa riuscirete a farlo in modo facile e a costo zero. Su aaannunci sono disponibili anche offerte e richieste di lavoro, non soltanto inserzioni relative alla compravendita di oggetti e beni. Attualmente il portale dispone di 28 categorie e circa 300 sotto-categorie più specifiche. Questi numeri danno un'idea di quanto sia facile inserire il proprio annuncio o cercare quello che fa al vostro caso cercando nell'apposita sezione. Gli utenti possono addirittura richiedere di inserire ulteriori categorie o sotto-categorie semplicemente scrivendo una mail all'indirizzo scritto sul sito. Viene offerta anche un'assistenza qualora abbiate problemi con le inserzioni, come ad esempio non riuscire a inserirle o cancellarle. Trovare ciò che cercate all'interno del sito aaannunci è molto semplice, grazie all'interfaccia intuitivo e alla navigazione fluida e veloce all'interno del portale. Nella home-page troverete tutte le categorie disponibili, con qualche sotto-categoria per capire immediatamente dove possa trovarsi ciò che state cercando. Tuttavia, per una ricerca più veloce e mirata, è possibile sfruttare le barre in alto, poste subito sotto l'intestazione della pagina principale. Nel campo a sinistra potrete inserire delle parole chiave per facilitare la vostra ricerca, in quello centrale sceglierete eventualmente una categoria e poi, infine, potrete anche decidere in che parte d'Italia cercare ciò di cui avete bisogno. A differenza di altri siti internet simili, come ad esempio eBay, aaannunci è molto più semplice da utilizzare, perché è più facile fare una ricerca e in più vi consente anche di effettuare acquisti con persone della vostra stessa città. Non dovrete per forza affidarvi a spedizioni spesso poco sicure e non controllate, perché recandovi dall'acquirente situato nella vostra zona potrete addirittura visionare il prodotto prima di comprarlo, pagarlo in contanti direttamente presso il venditore e portarlo subito a casa con voi. Inoltre, su aaannunci possono essere venduti o comprati degli articoli che su eBay non sono disponibili, come ad esempio le auto e le moto usate, immobili di vario genere (box, case, appartamenti e così via). Questo vi permette di trovare una gamma di prodotti molto più ampia a differenza di altri siti come ad esempio eBay. Un'altra cosa che rende aaannunci il migliore sito di annunci disponibile sul Web è il fatto che non si tratta di un semplice portale dove vendere e comprare cose. Su aaannunci, infatti, sono disponibili anche offerte di lavoro per aiutare chi cerca o richieste di professionisti che si mettono al servizio delle persone. Su aaannunci potrete trovare la vostra colf di fiducia, la baby-sitter per i vostri figli, una sarta che realizzi capi su misura e ogni altro genere di professionista stiate cercando per le vostre esigenze. Inoltre, nella categoria 'Immobili' potrete ricercare case di tutti i tipi, appartamenti, box, locali commerciali e molto altro ancora e la vostra ricerca potrà essere estesa ad ogni parte d'Italia, non soltanto nella città dove vivete. Su aaannunci non dovrete fare procedure complesse né aprire un negozio virtuale per inserire le vostre inserzioni. Su eBay prima di fare qualsiasi cosa dovrete effettuare una complessa registrazione che comprenda anche il collegamento ad un account PayPal per effettuare gli eventuali pagamenti che farete. Su aaannnuci non serve niente di tutto questo. Potrete inserire il vostro annuncio gratuitamente e per farlo non avrete bisogno di alcuna procedura di registrazione, quindi davvero tutti possono inserire la propria inserzione in un attimo. A differenza di eBay, se vendete qualcosa tramite aaannunci non sarete 'vittima' di nessuna commissione. Il guadagno derivante dalla vendita dei vostri articoli sarà interamente soltanto vostro, mentre eBay trattiene una piccola percentuale per ogni oggetto venduto. Anche per questa ragione aaannunci è sicuramente il migliore sito di annunci presente su Internet. Esistono anche altri portali molto simili ad aaannunci.it, come ad esempio Subito oppure Bakeca. Tuttavia anche questi siti non hanno una navigazione e una grafica così semplice ed immediata come quella di aaanunci. Questo comporta che molto spesso gli utenti abbiano parecchie difficoltà a inserire gli annunci oppure a trovare ciò di cui hanno bisogno. Su aaannunci non avrete alcun problema nell'inserimento delle inserzioni, non esistono limiti sul numero di inserzioni che potete inserire e le immagini da allegare al proprio annuncio non sono soggette ad alcuna tariffa, come accade in altri siti tipo eBay. Insomma, aaannunci è senza dubbio il miglior sito di annunci e inserzioni perché non richiede registrazioni per la pubblicazione che avviene interamente gratis, vi permette di effettuare una ricerca mirata e dettagliata di ciò che vi serve e potete contattare ogni inserzionista direttamente per chiedere anche ulteriori informazioni o prendere appuntamento per visionare un oggetto prima di acquistarlo.

NanoTemper Technologies affronta la crisi di riproducibilità e lancia Tycho

‘Tycho offre un metodo molto utile per il monitoraggio della qualità delle proteine in tutte le fasi della loro purificazione e caratterizzazione, fornendo informazioni cruciali sui campioni che non potevano essere rilevate in precedenza’ ha affermato il Dott. Gregor Witte dell”Università Ludwig-Maximilians di Monaco. ‘Ha già consentito di ottimizzare ampiamente una serie di progetti di ricerca da Cryo EM alla purificazione di complessi multiproteici. Dovrebbe divenire uno strumento standard per tutti coloro che lavorano sulla biochimica delle proteine’.

Tycho identifica la qualità e l”integrità strutturale dei campioni proteici in soli 3 minuti, utilizzando microlitri di materiale. Gli scienziati possono testare facilmente e rapidamente qualsiasi campione proteico così com”è, in qualsiasi buffer e in un”ampia gamma di concentrazioni.

‘Spesso i ricercatori lavorano con materiale di qualità sconosciuta e hanno difficoltà a riprodurre i loro stessi risultati anche se hanno seguito protocolli collaudati. Una soluzione semplice per ottenere la coerenza è conoscere innanzi tutto la qualità della proteina prima di procedere ulteriormente’, ha commentato Stefan Duhr, amministratore delegato di NanoTemper. ‘Tycho è il nostro primo contributo alla risoluzione della crisi di riproducibilità che ha un impatto quotidiano su tutti gli scienziati e intendiamo continuare a fornire prodotti che affrontano questo problema’.

Visitate nanotempertech.com/tycho per ulteriori dettagli. Per le informazioni più aggiornate, seguite #proteinqualityfirst su LinkedIn, Facebook e Twitter.

Informazioni su NanoTemper Technologies

NanoTemper Technologies è impegnata a fondo ad offrire la migliore esperienza per i clienti. Il punto centrale di questo impegno mira a consentire ai ricercatori di eseguire la caratterizzazione delle proteine facilmente, efficientemente e accuratamente. Con un”ampia offerta di sistemi, software e materiali di consumo per la valutazione delle affinità di coesione, della stabilità e della qualità delle proteine, gli scienziati nei laboratori farmaceutici, biotecnologici o accademici godranno di un flusso di lavoro ottimizzato, risultati di qualità e assistenza ai clienti molto reattiva. Entrate a far parte del nostro elenco di clienti soddisfatti e vivete l”esperienza di NanoTemper.

Jocelyn Davé
NanoTemper Technologies
415-316-6313
jocelyn.dave@nanotempertech.com 
nanotempertech.com

Foto – https://mma.prnewswire.com/media/625896/TychoNT_6_NanoTemper_Technologies.jpg 
Logo – https://mma.prnewswire.com/media/625895/NanoTemper_Logo.jpg

 

 

MONACO, Germania, 9 gennaio 2018 /PRNewswire/ — NanoTemper Technologies, il produttore di strumenti per la scienza della vita per la caratterizzazione delle proteine, ha lanciato il suo sistema più recente, Tycho NT.6, alla conferenza PepTalk di San Diego. Qualsiasi ricercatore che lavora con le proteine e ottiene risultati irriproducibili necessita di Tycho per identificare la qualità del materiale di partenza in modo da prevenire esperimenti non necessari e dati dubbi.

L’erotismo nella società  2.0

La grande penetrazione degli strumenti di nuova concezione, unita all’innegabile passione delle donne e degli uomini del mondo in generale e del nostro paese in particolare, per l’attività sessuale, ecco il connubio che negli ultimi anni sta facendo letteralmente impazzire i nostri connazionali, e che può essere identificato con il nome di erotismo 2.0.

Tutto in tale contesto può essere utilizzato e può fornire piacere corporale, dal telefono ad internet, dalla televisione via cavo alla web cam, dalle messaggerie telefoniche ai social. Gli strumenti con cui sbizzarrirsi sono centinaia, strumenti con la quale cercare la compagna, o il compagno d gioco, esibirsi dinanzi agli amici, godere del proprio corpo e far godere quello degli altri.

Le stime in tale contesto parlano chiaro e forniscono dati inequivocabili, agli italiani piace il virtuale, e praticano senza soluzione di continuità quell’attività che rientra nell’attività sessuale ma che porta, a volte, i compagni di giochi a rimanere dei perfetti sconosciuti. Spesso tale attività è fatta per approcciarsi a quel mondo del tradimento che molti hanno paura di effettuare realmente, e che li soddisfa come e più di un rapporto fedifrago. Ed è cosi che le chat porno, i numeri erotici, i siti particolari di annunci e racconti erotici, hanno fatto boom, con punte che presentano una percentuale di crescita, che rispetto alla fine del decennio scorso, ha incrementi a tre cifre.

Ma perché questo avviene, e soprattutto perché piace cosi tanto?

Intanto la comodità, non si ha bisogno più di cercare la propria amante in palestra o al supermercato, essa è disponibile in qualche recondito paesino del nostro bel paese o in qualche città da milioni da abitanti, che aspetta dietro lo schermo di un personal computer con a stessa voglia che ha colui che in quel momento la sta cercando. Non c’è bisogno di viaggi interminabili, rischiosi per i coniugati sotto il punto di vista della riservatezza, e a volte faticosi e costosi, basta solamente una connessione internet e uno smartphone neppure di ultima generazione per ritagliarsi una buona dose di divertimento.

Poi c’è la sicurezza. Non tanto quella fisica legata alla trasmissione di eventuale malattie, ma quella personale che soprattutto nel caso di rapporti extraconiugali è sempre la prima ad essere “attenzionata”. Il tradimento, se di tradimento si può veramente parlare, avviene nella riservatezza della propria abitazione, nessun occhio della vicina a scrutare dallo spioncino della porta, nessun capello sulla giacca, nessun segno di rossetto sul corpo. Ci si collega, si ha un rapporto sessuale virtuale, e alla fine di esso si torna nel talamo matrimoniale, rilassati nello spirito e soprattutto nel corpo.

Molti controbattono che il sesso virtuale non è sicuramente la stessa cosa, dall’avere un corpo caldo e voglioso accanto tra le lenzuola, ma i cultori del “virtual” rispondono che non è la vicinanza fisica a rendere bello il sesso, ma quella sottile attrattiva mentale che unisce due o più persone, mentre esse allo stesso momento cercano di dare soddisfazione ai propri rispettivi corpi. L’alchimia che si stia sotto lo stesso tetto o a duemila chilometri di distanza è la stessa, anzi forse nel caso della lontananza è amplificata dal piacere di stare commettendo qualcosa che ancora è visto come qualcosa di strano e proibito, situazione quest’ultime che non fanno altro che esasperare l’eccitazione di ognuno.

Un altro fenomeno da non sottovalutare è inoltre legato allo “sdoganamento” del sesso, anche all’interno delle coppie consolidate. Fino a un ventennio fa l’attività sessuale era di fatto nascosta, e veniva esplicata il più delle volte al chiuso della camere da letto, adesso non è più cosi. Sono molti infatti che anche senza tradire nell’accezione negativa del termine, esercitano il sesso insieme alla propria campagna (o compagno) sfruttando i nuovi canali tecnologici. Il fenomeno dello scambio coppia, i filmini amatoriali matrimoniali, la visione di pellicole porno, tutto contribuisce a ravvivare rapporti erotici matrimoniali, che probabilmente negli anni passati erano destinati a naufragare a causa della poca intesa erotica rea le lenzuola. Il sesso negli anni duemila è una cosa da condividere, esporre, spartire con il proprio compagno, e con quelli che a volte diventano “amici di letto”, partner occasionali conosciuti alla propria moglie, o al proprio marito, e da quest’ultimi approcciati.

Non si tratta del fenomeno delle coppie aperte tanto propagandato nell’Europa settentrionale, si tratta di qualcosa di più profondo e estremamente sensoriale, un modo diverso di interpretare un sesso diverso, un sesso che però garantisce la maggiore attrazione possibile. Anche in questo caso gli studi effettuati dalle agenzie specializzate parlano chiaro. La maggioranza delle coppie regolari dichiara di aver pensato di allargare il proprio ménage matrimoniale ad altre persone, di queste più di una coppia su tre ha provato l’esperienza realmente. Sempre le stime dicono che moltissime coppie, quasi la totalità, nella sua vita ha scattato foto “ose”, o si è fatta riprendere durante l’effettuazione di performance sessuali, tutti ne sono piacevolmente attratti, prestarsi ad essere un attrice o un attore del porno, interpretare un ruolo da sempre osteggiato dalla società civile, ma da tutti estremamente invidiato.

Parimenti gli strumenti informatici fanno elevare il numero di reati e vendette legati al mondo sessuale, se da una parte è più facile fare sesso consenziente, dall’altro è più facile allo stesso momento incastrare l’amante rancoroso, recepire sul web una prostituta con la quale intrattenersi, informarsi su storture sessuali fino a quel momento magari neppure conosciute.

Tutto è disponibile nell’erotismo 2.0, ma tutto deve essere utilizzato mantenendo quell’equilibrio proprio della razionalità umana. Dietro la telecamera, dietro lo schermo di un personal computer, dietro la cornetta di un telefono erotico, c’è una persona in carne e ossa, e mantenere sempre la razionalità per non ferirla, dovrebbe fare parte di quella stabilità mentale propria di ogni persona che si rispetta.

Divertirsi con le nuove tecnologie fa bene, abusarne no! La vita alla fine è anche “real” non solo “virtual”, ed è questo forse il nuovo confine dell’erotismo 2.0, l’individuazione di quella sottile linea che divide il piacere dalla perversione, trovarla farà di noi persone più felici anche nel campo del sesso, quel magnifico e incommensurabile sesso del …nuovo millennio.

 

 

Il servizio di leva in Italia

 

Oggi in Italia  chi vuole entrare a far parte delle forze armate deve partecipare ai concorsi pubblici e dopo aver superato diverse prove iniziare la trafila, che può essere divisa in una rafferma per uno o quattro anni o in una carriera da ufficiale o sottufficiale.

Per partecipare alle prove è quindi molto importante avere una discreta preparazione concorsi militare soprattutto per quel che riguarda prove  come il quiz e il tema.

Per tantissimi in Italia c’è stato anche il servizio di leva obbligatorio, che dovevano fare tutti i ragazzi al compimento dei  18 anni e prevede un’indennità, che è stata più volte cambiata nel corso degli anni e i contributi della leva erano validi ai fini pensionisti.

La leva in Italia è stata in vigore per ben 144 anni dal 1861 durante il Regno d’Italia fino al 2005, attraversando tutti i cambiamenti storici del nostro paese.

Storia della leva in Italia

La  leva obbligatoria per i cittadini italiani di sesso maschile viene introdotta  con la legge n 2248 del 20 marzo del 1865, dove erano inseriti anche le liste di leva comprendenti tutti i soggetti chiamati al servizio per ogni comune italiano, che avessero compiuto 17 anni.

La coscrizione obbligatoria venne regolata con la legge n 532 del 7 giugno 1875 e nel corso degli anni ha subito diverse modifiche.

Le prime importanti modifiche risalgono al periodo della prima guerra mondiale, quando per questioni belliche la leva obbligatoria venne cambiata visto il bisogno di soldati per affrontare la “Grande Guerra”.

Al periodo della prima guerra mondiale risalgono anche i primi obiettori di coscienze, che rifiutarono il servizio militare e vennero messi sotto processo per diserzione.

Con l’arrivo del regime fascista venne data una grossa importanza a quello che il servizio militare, infatti venne introdotta l’istruzione premilitare per tutti i giovani a partire dal compimento dell’8 anno d’età e la competenza di questa istruzione era dell’Opera Nazionale Balilla creata nel 1926.

Il regio decreto n 1332 che viene varato nel 1932 permetteva di svolgere il servizio di leva presso le varie forze armate o anche nelle forze di polizia italiane come i Carabinieri e il Corpo dei Vigili del Fuoco.

Con la nascita delle Repubblica venne la leva obbligatoria venne disciplinata nella carta costituzionale  precisamente nell’articolo 52 e nel 1972 vengono varate le norme per gli obiettori di coscienza che sostituiscono la leva con il servizio civile.

La leva obbligatoria viene abolita con un decreto del 30 settembre del 2004 del Ministero della Salute, che rettifica che l’ultima classe a fare il servizio di leva sarà quella dei nati nel 1985.

 

 

Organizzare una festa di carnevale per bambini

 

Siamo arrivati nel  periodo dell’anno più amato dai bambini, il Carnevale dove mascherati possiamo fare ogni tipo di gioco, organizzando  una festa a tema in una delle tante sale feste Roma,

L’organizzazione di una festa di carnevale per bambini prevede un’attenta organizzazione e solitamente viene fatta durante il giovedì grasso.

La prima cosa a cui si deve pensare sono gli inviti, che devono essere il più originali possibili usando magari prodotti come coriandoli e stelle filanti tipiche del carnevale.

Nel vostro invito dovrete indicare la data, l’ora della festa e quella che è la location che avete scelto per questo evento,  in modo  che i genitori possono organizzarsi in anticipo per portare i bambini alla festa.

Nell’ invito inoltre è sempre meglio specificare che si tratta di una festa in maschera, e nel caso in cui avete scelto un tema, come ad esempio i cartoni specificarlo nel vostro invito, per evitare che qualcuno magari venga vestito in un altro modo.

Se decidiamo di organizzare una festa di carnevale rivolta solo ai bambini è molto importante trovare una location che abbia molto spazio visto che per i bambini  ed è molto importante per far divertire i bambini facendo qualche gioco sempre legato al tema delle maschere o affidarsi ad esperti di animazione, che possono rendere la festa  più interessante e inoltre fatevi aiutare dai vostri amici per tenere a bada i bambini, che solitamente in queste feste si scatenano.

In una vera festa di carnevale non possono mancare degli addobbi a tema e qui è consigliabile  rivolgersi a dei negozi specializzati dove potete trovare festoni e addobbi inerenti al Carnevale e se amate il fai da te potete costruire da soli i vostri addobbi con l’aiuto dei numerosi  tutorial presenti sulla rete.

In una festa con tema il Carnevale è molto importante anche il menù e qui si possono scegliere due strade, la prima affidarsi alla tradizione e cucinare la tradizionale ricette di Carnevale o non rischiare e andare sul classico preparando cibi salati e dolci che sappiamo che tutti  i bambini mangiano.

Nel  buffet della festa di  Carnevale quindi si possono inserire: panini, pizzette, tramezzini, focaccine mentre per la parte dolce brioche e dolcetti e per finire frittelle e chiacchiere, tipici dolci di Carnevale, che mangiano tutti.

Per quello che riguarda le bibite è meglio evitare quelle che contengono caffeina, esclusa la Coca Cola che tutti i bambini amano, offrendo soprattutto  acqua e  succhi di frutta di vario tipo.

 

Rifacimento tetti, una soluzione da considerare!

{CAPTION}

 

Il rifacimento tetti potrebbe essere una soluzione estremamente valida in svariate occasioni, ma chiaramente, bisognerà affidarsi ad aziende che si occupano di questo da anni, le stesse che saranno in grado di garantire un lavoro fatto a regola d’arte!

 

Per scegliere la realtà giusta, che si occupa di rifacimento tetti e che si trova non molto distante da voi, bisognerà optare ad esempio, in primis per preventivi online, grazie ai quali, in modo del tutto gratuito e veloce, si potrà avere una valida risposta e valutare il prezzo che maggiormente si avvicinerà al budget che vi siete prefissati.

 

Il rifacimento tetti può interessare numerose strutture, a partire ad esempio da edifici civili, fino ad arrivare a costruzioni industriali, ad esempio per costruzioni nuove, singole, private o ancora condominiali, insomma, una sfera decisamente ampia, dove sicuramente verrà inclusa anche la vostra abitazione.

 

Il rifacimento tetti, così come anche la riparazione, sono due lavori molto gettonati e rappresentano per certo la soluzione ideale per dare una rinfrescata ad una determinata costruzione, insomma, l’occasione giusta per andare persino a migliorare la qualità di vita, con tutta una serie di servizi che consentiranno, in un secondo momento, di sfruttare al meglio il tetto.

 

Un tetto in ottimo stato sarà la base ideale per l’installazione di elementi particolarmente utili, come ad esempio i pannelli fotovoltaici, ma non solo, non possiamo certo dimenticare le finestre per tetti, i lucernari e chiaramente anche una inevitabile sostituzione delle grondaie, vale a dire elementi che nel tempo andranno incontro ad una progressiva usura, dovuta anche alla continua azione degli agenti atmosferici.

 

Costruire tetto con lastre in bitume? Si può fare!

 

Costruire tetto è un’operazione fattibile, ovviamente in base alle dimensioni, ma chiunque potrebbe occuparsene, o in alternativa, consigliamo di contattare ditte che operano in questo settore ormai da anni e riescono ad offrire un aiuto estremamente valido.

 

Ad oggi il tetto può essere composto da diversi materiali, alcuni anche molto sfiziosi, altri invece dove si punta soprattutto sulla resistenza e sulle spiccate proprietà del materiale scelto, come ad esempio quello in lastre di bitume, il quale da un po’ di tempo a questa parte sta richiamando l’attenzione di sempre più persone e chiaramente anche degli addetti ai lavori che ogni giorno si impegnano per offrire novità.

 

Costruire tetto con lastre di bitume è una realtà, infatti vengono prese soprattutto lastre ondulate, le quali vengono per lo più utilizzate per coprire locali particolari, come ad esempio le officine, così come i garage e svariati edifici agricoli, il tutto perchè tra i numerosi vantaggi troviamo anche la semplicità d’installazione, un punto che può sempre fare la differenza!

 

Noi consigliamo di affidarvi a ditte serie, che in poco tempo saranno in grado di effettuare tutti i lavori e di assicurarvi un tetto funzionale, in alternativa, se sarete voi a costruire tetto con lastre in bitume, prima di cominciare a posare il tutto, dovrete assolutamente effettuare delle verifiche di routine, per capire se tutto quello che state facendo o che andrete a fare, rispetta l’attuale legislazione in vigore.

 

Quando si pala di un tetto con lastre in bitume, la pendenza dello stesso dovrà rispettare una percentuale ben precisa, vale a dire del 20%, altrimenti potrete davvero rischiare di andare incontro a spiacevoli sanzioni, motivo per cui, cercate sempre di fare le cose per bene, passo dopo passo, restando sempre aggiornati su eventuali normative, oppure chiedendo informazioni a chi opera nel settore da anni e che potrà sicuramente indirizzarvi nel modo giusto, fornendo persino dei consigli utilissimi.

 

Movavi Photo Editor : modificare foto con qualità

{CAPTION}

 

Ormai riprodurre video, anche di buona qualità, è cosa comune: basta avere a disposizione uno smartphone dotato di fotocamera di ultima generazione ed è possibile immortalare con grande semplicità panorami mozzafiato, amici, serate in famiglia e qualsiasi altro soggetto ci interessi mantenere nel nostro album dei ricordi.

Se fare video è così semplice per tutti, modificare immagini per renderle ancora più belle e personalizzate non lo è invece per molti. Fino a poco tempo fa, infatti, se non si era in  grado di utilizzare costosi programmi di grafica professionali, l’impresa di ritoccare i propri video era davvero off limits!

Oggi, invece, a disposizione degli utenti che desiderano un programma semplice ma dalle funzioni professionali per ritoccare le proprie immagini vi è Movavi Video Editor, un software facilissimo da usare scaricabile in pochi istanti dal sito ufficiale Movavi e disponibile sia per dispositivi Windows che Mac.

Movavi Video Editor per Windows è un potente programma per video editing di facile uso. Consente di tagliare, unire ed editare video senza riduzione della qualità, applicare eleganti effetti speciali e filtri, aggiungere musica, titoli e molto altro ancora!

Read more: https://www.movavi.com/it/videoeditor/ © Movavi.com

Grazie a Movavi Video Editor sarà possibile ritagliare le immagini, ridimensionarle e capovolgerle oltre che applicare decine di filtri per cambiare in men che non si dica lo stile del proprio video.

Ma grazie a Movavi Video Editor sarà possibile inserire anche contenuti testuali a corredo delle proprie immagini utilizzando le centinaia di font disponibili nel proprio editor di testo con qualsiasi grandezza desideriate.

Uno degli aspetti più graditi dei programmi di grafica professionale, assente in tutti quelli standard che magari possediamo ad oggi sul nostro pc, è sempre stato quello di eliminare da un’immagine uno o più elementi non graditi. Oggi grazie a Movavi Video Editor è possibile ovviare a questo problema in pochissimi clic: vi basterà selezionare il pennello dalla grandezza più adatta e con esso selezionare l’oggetto da far scomparire dal video proprio. A questo punto, semplicemente cliccando su “Avvia cancellazione”, gli elementi desiderati scompariranno lasciano uno sfondo uniforme ed una fotografia che sembrerà essere stata scattata esattamente così.

E non è tutto: con Movavi Video Editor gli appassionati di foto di primi piani potranno enfatizzare i loro scatti in post produzione selezionando gli elementi da mantenere in primo piano sfumando tutto quello che non deve essere lasciato nitido. Il risultato sarà un’immagine che non ha nulla da invidiare a quella di un riproduttore di video davvero professionista con tutta la soddisfazione di averla creata da sé.

 

Modi di dire di tutte le lingue e tutti i dialetti in un blog

{CAPTION}

 

Se siete degli amanti della lingua, o per meglio dire, delle lingue, degli idiomi e dei dialetti, delle particolarità specifiche di ognuno di questi, non potete perdervi questa occasione, più unica che rara: quella di rirovare su di un unico sito una rassegna completa, o quanto meno, corposa dei modi dire non solo italiani, ma anche delle lingue più dissuse del pianeta e quelle dei dialetti più parlati in italia.
Dove trovate questo sito?
Cliccate sulla sezione dei modi di dire del sito frasi-aforismi.it, un blog organizzato in maniera didascalica per ospitare non solo frasi, aforismi e citazioni di ogni genere e di ogni diversa tipologia, ma anche indovinelli e rompicapo, battute, colmi, freddure e barzellette, detti e proverbi, motti e slogan, parolacce e insulti e appunto modi di dire.
Il blog è organizzato in maniera tale da dedicare un intero post ad un singolo argomento. Quindi è stato dedicato un post solo ai modi di dire italiani, uno a quelli inglesi e così via.
Al momento sul sito sono stati inseriti, relativi alla categoria modi di dire, i seguenti post:

  • Modi di dire veneti
  • Modi di dire salentini
  • Modi di dire pugliesi
  • Modi di dire sardi
  • Modi di dire siciliani
  • Modi di dire americani
  • Modi di dire francesi
  • Modi di dire inglesi
  • Modi di dire napoletani
  • Modi di dire romani
  • Modi di dire italiani

E dalla puntualità con cui quotidianamente vengono pubbloicati nuovi post c’è da essere certi che presto ne arriveranno altri e altri ancora!
In ciascuno di questi post potrete così andare alla scoperta di quella che è una peculiarità di ciascuna lingua, una caratteristica che non sempre si riesce ad apprendere dai libri di studio, nè tantomeno nei corsi dedicati a queste lingue. Tra l’altro andare alla scoperta dei modi di dire di una specifica lingue è un po’ come andare alla scoperta della cultura e delle tradizioni di un posto specifico. La scelta di affiancare alle lingue più importanti anche i dialetti è dovuta al fatto che molti dialetti italiani, recano con essi tutto un retro terra di cultura, tradizione, oltre ad una vera e propria letteratura.
Conoscere i modi di dire napoletani o i modi di dire pugliesi, i modi di dire siciliani o i modi di dire veneti o i modi dire sardi è come fare un tuffo nel passato alla scoperta di una cultura che affonda le radici nella storia di queste regioni.

La grande passione per la fotografia

{CAPTION}

 

La fotografia è una passione molto comune, ormai, perché i prodotti per scattare foto (soprattutto le macchine fotografiche) non raggiungono mai prezzi proibitivi.

Questo consente a chiunque iniziare una carriera nella fotografia, carriera che per qualcuno può diventare un lavoro e addirittura uno stile di vita: anche se può non sembrare, siamo letteralmente circondati da fotografie, sui giornali e sui libri, e chi si occupa di scattare quelle foto è un fotografo professionista, spesso dal nome sconosciuto.

Perché tra una foto scattata alla Torre di Pisa con il cellulare e una foto scattata ad un filo d’erba che sboccia nella tundra siberiana, riuscendo a cogliere l’essenza del territorio, c’è una bella differenza. Fare una bella foto può richiedere ore, se non giorni di lavoro, e per chi ha questa passione i risultati possono anche essere ben ripagati.

Ma come si possono mostrare le foto che scattiamo a coloro che possono essere interessati, per far capire il nostro valore? Prima di tutto, una regola generale è quella di evitare internet.

Internet, è vero, mette in comunicazione il mondo intero, e ci offre l’accesso a un numero impressionante di potenziali compratori, ma c’è anche molta concorrenza, spesso spietata.

Per questo, il contatto umano con responsabili di giornali e riviste, con agenzie pubblicitarie, con chi realizza siti web e con tutte quelle figure che possono essere interessate alle fotografie diventa fondamentale per far conoscere ciò che siamo in grado di fare.

E il modo migliore per presentarci, quando cerchiamo di fare della nostra passione un lavoro, è quello di farlo con un libro fotografico che contenga al suo interno i nostri scatti migliori.

Creare album foto con il software di Fotolibro Cewe è una cosa davvero semplicissima. Per prima cosa, il software è disponibile non solo per un dispositivo, ma per una serie di device diversi che vanno dai classici PC con Windows, ai computer Mac, fino ai sistemi operativi mobile, ovvero iOS ed Android. Per cui è sufficiente trovare la versione che fa al caso nostro per poter creare il libro fotografico dal dispositivo che abbiamo o, meglio, quello su cui teniamo le foto (probabilmente sarà il computer).

Il libro fotografico può essere composto, quando avremo caricato le foto, anche in automatico dal software, ma è meglio farlo noi stessi, perché per il lavoro che stiamo cercando di fare ogni dettaglio è importante e nulla può essere lasciato al caso. Insomma, creare il libro fotografico secondo la nostra logica sarà un po’ come modificare, ritoccare ed ottimizzare una foto con photoshop.

A questo punto possiamo proseguire inviando il tutto, una volta caricate le foto, al sito del servizio che stamperà il libro; tutto ciò di cui avremo bisogno, in questo caso, è la connessione ad internet.

Da lì, il libro verrà stampato e noi potremo aspettare di riceverlo comodamente a casa; quando, poi, ci arriverà potremo portarlo con noi dopo aver preso gli opportuni contatti, e mostrare qualcosa di concreto per quello che siamo in grado di fare.

Fotolibro-cewe.it, in questo, è un valido aiuto perché mette a disposizione la possibilità di creare prodotti professionali, ed è proprio la professionalità che ci permette di presentarci nel miglior modo fin da subito: una possibilità da prendere assolutamente in considerazione, quando si vuole iniziare la nostra carriera nella fotografia.