Come guadagnare con facebook

Guadagnare con Facebook è una realtà che sta appassionando milioni di utenti che sfruttano le potenzialità della piattaforma per poter tramutare il proprio quotidiano impegno sul social, attraverso la creazione e la condivisione di contenuti on line, in una possibilità effettiva di guadagno.

A tal proposito bisogna collegare la propria pagina Facebook ad uno dei servizi offerti dai vari programmi di affiliazioni presenti on line che pagheranno una specifica commissione sulla base del numero delle conversioni che il tuo spazio web sta generando. Quando parliamo di conversioni ci riferiamo ad azioni ben precise che corrispondono agli obiettivi prefissati con le affiliazioni nel momento della sottoscrizione e che dunque potrebbero corrispondere ad un mi piace, ad una condivisione, alla richiesta di un informazione fino all’acquisto di un prodotto o di un servizio.

Dato che non è previsto alcun costo nell’affiliarti, si possono sfruttare tutti i tipi di siti presenti sul mercato, come per esempio Amazon che sta allargando il suo campo d’azione ai programmi di affiliate marketing. Infatti esso offre un piano competitivo per quanto riguarda il lato remunerativo dato che paga una percentuale su qualsiasi acquisto che una persona fa dopo aver cliccato attraverso il tuo post, anche se non è ciò che hai pubblicizzato. Sul sito della piattaforma è possibile iscriversi e aderire al loro progetto, arrivando a commercializzare una società come affiliato.

Questo tipo di affiliazione ti permetterà di guadagnare attraverso le azioni programmate e pianificate che realizzerai sulla tua pagina web. Per sfruttare al meglio tali possibilità occorre associare un account Facebook per ogni programma di affiliazione in modo che le persone possono seguire le tue pagine in base a ciò che gli interessa piuttosto che doversi iscrivere ad una sola pagina completa di diversi annunci. In questo modo inizierai a monetizzare il tuo impegno sul social attraverso la creazione di contenuti chesaranno associati ad una data azienda tramite il programma di affiliazione che hai scelto.

Fonte: monetizzare.com

L’ Atelier AteleBa Sposa di Elena Barba

Il sito Atelebasposa.com offre la possibilità di ammirare un vasto assortimento di abiti da sposa, divisi in due principali categorie: “collezione sposa 2015” e” i senza tempo”.

La prima categoria è dedicata alle spose più trendy, quelle che amano le tendenze del momento, fatte di pizzi e cristalli in abiti dalle linee morbide e sinuose, in stile “sirena romantica”.

I senza tempo, invece, vestono le spose amanti degli stili intramontabili e classici caratterizzate da linee morbide e corpetti fasciati con qualche accenno di pizzo. Classico e contemporaneo, romantico e affascinante, trendy e semplice allo stesso tempo.

Tutti abiti artigianali realizzati dalla Sig.ra Elena Barba, titolare dell’atelier, sito nel Vomero, in pieno centro di Napoli, che ha fatto della sua grande passione per la sartoria, la sua vera professione. Nella sezione “atelier”, possiamo trovare tutte le informazioni utili per acquistare, o meglio, realizzare completamente l’abito del giorno più bello della nostra vita!!! Dai tempi di preparazione, calcolati mediamente intorno ai 5- 6 mesi prima del lieto evento, alla “messa a misura dell’abito”, dove si procederà allo studio del corpo della sposa, fino ad arrivare alle ultime prove e alla consegna dell’abito da sposa.

Particolare e non solita scelta quella di inserire all’interno del sito, la sezione “blog”, dove troviamo un’interessante lista di articoli tutti incentrati sulla scelta di un abito da sposa piuttosto che un altro, degli accessori e del loro abbinamento, della scelta del fotografo, del trucco, dell’acconciatura e di tanti altri dettagli per rendere unico il giorno del nostro matrimonio. Navigando e consultando il sito Atelebasposa.com possiamo ammirare degli abiti artigianali, realizzati con gusto e raffinatezza, creati su misura per ogni tipo di sposa, più moderna o più classica, per ogni tipo di corpo, con corsetti di pizzo e cristalli, o con linee più morbide e sinuose. Basta collegarsi al sito, visitarlo, prendere un appuntamento, raggiungere Napoli e affidarsi alla professionalità.

Allarmi senza fili: come scegliere quello giusto?

Oggi, gli allarmi senza fili sono considerati nel merca come migliori dispositivi di sicurezza attivi che, grazie allo sviluppo di sofisticate tecnologie, riescono addirittura ad interagire con il proprietario di casa. Oltre ad essere molto affidabili, tali impianti di allarmi che non utilizzano alcun tipo di filo sono decisamente più economici rispetto gli altri… ovviamente a seconda della tipologia di allarme scelto!

Tecnologia e sicurezza

Con l’avanzare degli anni, la tecnologia ha cominciato a prendere piede in qualsiasi tipo di settore, anche quello relativo alla sicurezza partendo dai sistemi di sicurezza passivi, quindi quelli che hanno il semplice scopo di rallentare l’azione dei malintenzionati, come ad esempio porte e finestre blindate, inferriate ecc. fino ad arrivare ai sistemi attivi, ossia quelli che riescono a reagire inviando allarmi sonori e, i più sofisticati, inviando sms alla stazione di polizia più vicina e al proprietario di casa.

Se volete avere un occhio di riguardo alla vostra casa e ai vostri averi, non possiamo fare altro che consigliarvi di acquistare uno degli impianti di allarmi senza fili presenti oggi sul mercato, magari consultando prima un’azienda specializzata nell’installazione e nel monitoraggio degli impianti allarme casa, che saprà sicuramente consigliarvi il miglior allarme a seconda delle vostre esigenze.

Gli allarmi senza fili hanno un occhio di riguardo in più e sono davvero consigliati soprattutto per coloro che cercano in tutti i modi un sistema di sicurezza in casa tecnologicamente avanzato, comodo, affidabile e di qualità!

Come si presenta un allarme senza fili?

Un allarme senza fili presenta un supporto di batterie a lunghissima durata, è preferibile attaccarlo alla corrente per evitare di usurare troppo le batterie, ma può funzionare decentemente anche senza e quindi anche quando improvvisamente viene a mancare energia elettrica in casa.

Gli allarmi senza fili riescono a comunicare grazie alla tecnologia wireless che consente di trasmettere i segnali attraverso onde radio (frequenza di base tra i 25 MHz e i 1000 MHz) e quindi sfruttano una tecnologia molto avanzata a dispetto dei soliti impianti di allarme con i cavi. Nel mercato ci sono dispositivi che sfruttano le alte frequenze radio a fine di una migliore sicurezza:

tra 26.995 MHz e i 40.700 MHz per quei sistemi che presentano l’oscillatore in trasmissione al quarzo.

tra i 433.050 MHz e i 434.790 MHz per quelli controllati da un risuonatore ceramico.

E’ ovvio che le alte frequenze permettono di evitare eventuali disturbi radio e quindi una sicurezza maggiore!

La gestione e il controllo del personale

La gestione e il controllo del personale presente in azienda ha un ruolo sempre più importante per i cambiamenti avvenuti nei settori dell’informatica, della comunicazione, della sicurezza e della privacy, cambiamenti che implicano l’adozione di strumenti innovativi di gestione e controllo. Il sistema CRONOS di controllo degli accessi è stato pensato e creato con le finalità di corrispondere a queste esigenze ed è integrato nel sistema di rilevazione presenze.

I terminali lettori di badge Cronos ZERO, adottano la tecnologia RFID (Radio Frequency Identification) e sono stati realizzati con caratteristiche uniche ed innovative di modularità, componibilità, variabili di colori e design, che li differenziano rispetto a tutti i modelli già presenti sul mercato. Questa tecnologia permette di identificare automaticamente PERSONE, PERCORSI FISICI e OPERAZIONI, oltre a realizzare processi sicuri in tempo reale, migliorando l’organizzazione e l’efficienza aziendale secondo le normative di legge.

I terminali Cronos ZERO di prossimità vengono installati presso ogni varco, porte, cancelli e sbarre, collegati al computer in rete Tcp/ip o in protocollo seriale. Vengono inseriti i dati anagrafici delle persone abilitate ai transiti, con le giornate e gli orari di abilitazione differenziate per ciascun terminale e vengono trasferiti dal Server ai terminali per renderli autonomi dal computer nella valutazione del diritto al transito. Essi vengono registrati, compresi i tentativi di quelli non abilitati e vengono periodicamente acquisiti in automatico ed elaborati dal programma KEROS.

I sistemi sono realizzati con terminali e programmi di nuova progettazione, prodotti con le più avanzate tecnologie hardware e software oggi disponibili che rappresentano la sintesi di 25 anni di esperienza nel settore.

Il programma Cronos KEROS è stato sviluppato integralmente in linguaggio Java con tecnologia WEB e costituisce un unico strumento modulare di gestione e controllo del personale in azienda che è in grado di fornire una serie di informazioni utili per analizzare la frequenza degli spostamenti del personale, quali spostamenti in giorni o periodi e attraverso quali varchi. Fornisce, inoltre, un “quadro sinottico” con la rappresentazione visiva delle aree, predefinite in base alle caratteristiche dell’azienda (uffici amministrativi, commerciali, produzione, reparti, locali tecnologici), identificate da uno o più terminali installati.

In conclusione, la soluzione Cronos assicura un solo programma WEB per tutte le procedure, una sola linea di terminali per tutte le applicazioni, un solo badge individuale per tutte le funzioni.

Ecco come festeggiare la vostra festa di laurea a Roma

È giusto, dopo anni e anni di studi, sacrifici e impegno, avere l’opportunità di poter festeggiare l’ottenimento del titolo tanto atteso e desiderato di laurea, con i propri amici e parenti. Ma come è possibile festeggiare una festa di laurea Roma? E soprattutto, cosa non deve assolutamente mancare ad un evento di questo genere? Andiamolo a scoprire insieme.

La scelta della location

Innanzitutto è di fondamentale importanza decidere che tipo di evento vogliamo organizzare. Se preferiamo una festa più raccolta oppure se preferiamo un evento con molte più persone.
È molto importante decidere in quale location organizzare il tutto. Esistono molti locali diversi per poter festeggiare ed essere liberi di decidere in libertà quali servizi richiedere. Le location possono variare da quelle più estive, quindi all’aperto con la possibilità anche di usufruire della piscina, a location chiuse come ad esempio un pub munito di tutti i comfort necessari a rendere l’ambiente piacevole e rilassante per gli invitati alla festa.

Ma quale scegliere? Un aspetto importante è sicuramente il budget; se si ha abbastanza possibilità, si può fare qualsiasi cosa come ad esempio l’affitto di una villa con piscina annessa, servizi quali catering con una vasta scelta di piatti, la presenza del dj, oppure un barman specializzato nella preparazione di cocktail. Se invece si ha meno possibilità di organizzare una festa in grande, niente panico, esistono soluzioni per tutti i gusti e a costi più contenuti. Infatti si può optare per luoghi più contenuti ma che allo stesso tempo garantiscono una festa indimenticabile.

Le location più indicate per festeggiare al meglio la vostra festa di laurea sono dei luoghi dove è possibile usufruire di servizi aggiuntivi e regalare una serata di divertimento e comodità ai propri ospiti. Parliamo per esempio di pub, come suddetto, oppure discoteche, bar alla moda, ville con piscina o senza, oppure per chi non ha paura di osare un po’ di più è possibile affittare barconi direttamente sul Tevere e regalare una festa elegante e indimenticabile. Ancora, negli ultimi anni vanno sempre di più Bus privati nei quali è possibile trovare mini piste da ballo, dj e console.
Insomma ce ne sono proprio per tutti i gusti e esigenze

Reddito Internet per il novizio del

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Nel corso degli anni, ho scoperto diverse tecniche molto efficaci per la conversione di contatti in vendite per una piccola impresa. Vorrei condividere con voi una manciata di questi. Per renderli più facili da digerire, li ho suddivisi in due categorie: l’abbassamento delle barriere e una maggiore commercializzazione.
Troverete che come venditore è necessario avere accesso alle informazioni per migliorare continuamente le vostre abilità di internet marketing. Questa roba non viene solo a voi. Si deve lavorare attivamente per ottenere le competenze necessarie. Lo si può fare in vari modi. Un esempio è quello di controllare un forum grande SEO. Questi forum vi insegnerà circa la strategia di marketing di base di ottimizzazione dei motori di ricerca. Se si riesce a raccogliere alcune buone informazioni su questo allora si sarà fuori ad un buon inizio con il vostro viaggio di web marketing.
Non fare la vostra ricerca. La maggior parte dei blogger scrivono fuori delle loro aree personali di competenza tanto in tanto. Ma quando lo si fa, assicurati di aver fatto la vostra ricerca e sono fiducioso per il contenuto che si sta pubblicando. Non c’è niente di peggio che avere qualcuno – soprattutto un potenziale cliente, gasp! – Chiamare nella sezione commenti del tuo blog. Bene, bene, in realtà ci sono cose peggiori, ma questo non è divertente e non va bene per la vostra marca. Non temere, però! Quando hai torto, ammettilo, ringrazio chi si indicato nella direzione giusta (anche se non lo ha fatto con molta grazia), e inviare le vostre correzioni. E fare la tua ricerca successiva.
Pinterest è diverso; essa ha un suo linguaggio (in realtà solo nomi per le cose, per esempio un post o un aggiornamento è uno spillo, la gente che fa il pinning sono pinners, etc.) e la sua cultura è puramente visiva. Qui ci sono 3 consigli per aiutarvi a ottimizzare la cultura di Pinterest in modo che è possibile aggiungere in modo efficace la comunità per il vostro marketing mix.
Per catturare l’attenzione di un lettore a scansione, eseguire un annuncio e rendere il vostro annuncio sembrare un coupon. Si desidera includere tutte le linee tratteggiate sui bordi dell’annuncio solo per farlo sembrare più credibile. Non solo questo si distinguono dal resto degli annunci, ma sarà far sembrare come se si può tagliare la pubblicità fuori ed effettivamente utilizzare nel mondo reale.
search engine marketing è stata sviluppata per attrarre i robot. E ‘inoltre destinato a garantire che il vostro sito è perfettamente e completamente migliorata. Ma, una volta il traffico arriva sul sito web, la trasformazione di marketing prende il sopravvento.
Raggiungere il vostro pubblico. Può sembrare ovvio, ma alcuni inserzionisti si affacciano su questo. Se stai vendendo un corso di web-marketing, non pubblicizzare in un ezine che si occupa di stock option; probabilmente non saranno interessati.

Cibus In Fabula

Digital and Street Art Exhibition by Felice Limosani

Milano 8.4.2015 – Duomo 21

Si è tenuta oggi alle 12 la conferenza stampa Cibus in Fabula organizzata da Cibus e FederAlimentare per presentare il Padiglione Cibus è Italia all’Expo al quale mancano oramai veramente pochissimi giorni.

A “raccontare” il Food è stato chiamato Felice Limosani, “il dj che diventò storyteller”, al quale è stata data carta bianca per rappresentare artisticamente il nerbo dell’agroalimentare italiano, un settore costituito in massima parte da aziende medie e piccole che hanno nella “cultura del fare” e nei forti legami con il territorio, il loro punto di forza.

Limosani ci ha brevemente presentato il suo progetto, uno “storytelling digitale”, che si articolerà su 13 esibizioni quindicinali a partire dal 1° maggio, giorno di apertura di Expo 2015. Limosani ci ha anche spiegato cosa si intende per “storytelling digitale” con due definizioni nette e prcesie:

  • Digitale: verranno sfruttati i canali di comunicazione moderni, basati sul web e sull’interazione con l’utente per aumentare la curva di engagement grazie alla condivisione dei contenuti. Tradotto: i 13 appuntamenti saranno delle esibizioni artistiche reali, fisiche, che verranno trasmesse anche via web e che il pubblico potrà condividere attraverso i canali mediatici ad ognuno più consoni (da Facebook a Twitter, da Pinterest ad Instagram). L’esibizione artistica uscirà così dai confini fisici dell’Expo e andrà a raccontare il nostro agroalimentare ovunque nel mondo, anche laddove non si sa neppure cosa sia e quale valore abbia.
  • Storytelling: non una sequenza di immagini e suoni. Non un cortometraggio con “prosciutti e caciotte” ma la visione artistica della nostra filiera agroalimentare, interpretando la realtà delle aziende per raccontare cosa fanno e come lo fanno e farlo conoscere ovunque nel mondo.

Nel concreto Limosani ha organizzato la realizzazione live di 13 murales a cura di “street artists” fatti giungere da tutto il mondo. Murales realizzati su teli in PVC e che verranno presentati in una mostra dedicata durante il Cibus 2016 e verranno portati in giro per il mondo in occasione delle varie fiere cui Cibus parteciperà anche in collaborazione con Vinitaly e Tutto Food. Ma questa è un’altra storia.

Non ci resta che rimandarvi ad Expo per apprezzare il lavoro di Limosani e di Cibus.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Per maggiori informazioni sul Cibus In Fabula e sul Padiglione Cibus consigliamo di visitare i siti ufficiali:

Federalimentari: sito web

Cibus Italia: sito web

Felice Limosani: sito web

Advertising Bartering: il cambio merce pubblicitario

L’advertising bartering (il cambio merce pubblicitario) è una pratica molto consueta quando si decide di promuovere il proprio brand ed i propri prodotti attraverso i media. I media hanno la necessità di collocare i loro spazi entro termini temporali ben precisi e ciò gli rende particolarmente disponibili a valutare forme di pagamento alternative, solitamente più convenienti all’azienda che deve acquistare pubblicità, avendo anche la necessità di poter programmare quanto più possibile sul lungo periodo.

cambio merce pubblicitario

Questo “baratto”, questo pagamento in merce a fronte dell’acquisto della pubblicità, avviene principalmente in due modi:

  • Un transazione one-to-one. Quindi i media potrebbero accettare in pagamento merci e servizi per il loro diretto consumo (ad esempio prodotto di cancelleria, servizi di trasporto, alimentari per le mense, etc…) oppure disporre di una rete di rivendita dei prodotti e servizi ricevuti in pagamento o ancora ricevere premi in natura per quando organizzano trasmissioni con vincite come ad esempio i quiz televisivi.
  • Attraverso intermediari specializzati che acquistano gli spazi pubblicitari, ritirano le merci e le rivendono attraverso una loro rete di shopping club.

Esiste poi tutta una serie di “transazioni” che potrebbero essere annoverate nell’advertising bartering anche se nella pratica quotidiana sono intese più come scambio di cortesie che come cambio merce pubblicitario vero e proprio. Pensiamo ad esempio alle aziende che fornendo i dettagli di un prodotto alle agenzie di comunicazione ed ai media ottengono visibilità garantendo al tempo stesso ai media l’acquisizione di contenuti freschi per i loro giornali o per le loro trasmissioni. E pensiamo ai mille blog che ci sono in giro per il web che pubblicano recensioni e comunicati stampa anche loro al solo scopo di poter disporre di contenuti a costo zero.
Naturalmente l’advertising bartering non è di semplice gestione e richiede la definizione di accordi ben precisi. I media, o le agenzie che accettano la formula del cambio merce pubblicitario, devono infatti rivendere i prodotti che ricevono in pagamento e questo crea una serie di problematiche. Come ad esempio:

  • – Il prezzo a cui quantificare la pubblicità: i media tenteranno di vendere al loro prezzo di listino.
  • – Il prezzo a cui quantificare le merci che, per essere rivendute al di fuori dei tradizionali canali di vendita devono per forza di cosa essere appetibili.
  • – La concorrenza per il brand: se l’agenzia ricolloca le merci nella stessa area di mercato del brand a prezzi inferiori si rischia di innescare malcontento nelle tradizionali reti di vendita per concorrenza sleale. Per questo motivo solitamente i prodotti vengono venduti in shopping club ad accesso riservato ai dipendenti di aziende convenzionate.

Però, nonostante le difficoltà di cui sopra, l’advertising bartering rimane sempre uno dei sistemi preferiti regolare i rapporti tra i media e le aziende pubblicizzate.

 

Multimedia sul web: come gestire foto e video?

Foto e video hanno assunto una grande importanza nell’epoca della digitalizzazione e dell’informatizzazione a tutti i livelli. L’esplosione degli smartphone, che includono la possibilità di fare foto e video direttamente dal proprio telefono, ha rivoluzionato letteramente tutto il settore della fotografia, amplificata dalla diffusione dei social network.

Condividere foto e video sui social media

Lo sharing e la condivisione di multimedia sul web è diventata ormai una moda per i semplici utenti ma una possibilità da sfruttare per le aziende, che in questo modo cercano di aumentare la fidelizzazione verso il loro marchio. In questo discorso, un ruolo importante, se non indispensabile, lo hanno i social network, grazie alla loro infinita potenza di raggiungere chiunque. Si pensi solo a Facebook, popolato dalla stragrande maggioranza di utenti reali.

Ma sta avanzando a grandi falcate anche Instagram, nato solo per le immagini e proprio per questo ancora di più utilizzato. Le foto, infatti, hanno una grande capacità comunicativa e parlando in termini multimediali, favoriscono il famoso engagement, ossia la condivisione e i “mi piace” che aumentano il valore della pagina ufficiale costruita sui social media. Da non dimenticare infine Twitter, che sta aumentando sempre di più il valore del proprio prodotto, dal quale è possibile non solo scrivere un post in 140 caratteri ma anche postare foto e video.

Sai come sfruttare questa possibilità?

Per le aziende, tutto questo non deve essere fatto con superficialità perchè l’immagine deve essere curata nel migliore dei modi, così come la comunicazione. Quando si parla oggi di comunicazione, si fa riferimento a un mondo vasto, che contempla rapporti istituzionali, rapporti con i clienti e sfruttamento dei canali social.

Ecco perchè deve esserci una pianificazione di ciò che abbiamo appena detto, perchè i social media possono essere un’ottima opportunità per le aziende di farsi conoscere. In questo caso, è utile affidarsi a dei professionisti del settore che curano il brand dell’azienda a 360°: è ciò che fa Elamedia per la creazione di siti web a Roma ma anche per la gestione di tutte le attività dei clienti, dall’ottimizzazione delle pagine web allo sviluppo dei portali e-commerce fino alla cura dei profili social. Perchè su Internet niente si improvvisa e la comunicazione è ormai diventata un asse fondamentale della propria strategia marketing.

La “nicchia”: cosa si intende?

Quando parliamo di nicchia, almeno per quel che riguarda internet, stiamo certamente parlando del tema e all’argomento a cui fa riferimento il tuo sito web. Dunque si parla del centro semantico del tuo progetto, del focus della tua nuova piattaforma web, sia che essa riguardi un tuo hobby specifico o che invece faccia riferimento al core business della tua attività lavorativa.

 Qualsiasi Guida SEO che si rispetti partirà certamente con questo argomento, in quanto rappresenta il primo step da prendere in seria considerazione per mettere in piedi un progetto web che funzioni. Di seguito illustriamo nel dettaglio di cosa stiamo parlando. Cercheremo di fare chiarezza sul termine in questione, cercando nel contempo di chiarirne l’importanza strategica per la riuscita di un progetto web e illustrandone gli step da seguire per cercare di non fare un buco nell’acqua.

Caratteristica della nicchia

 

  • Argomento preciso: prima di tutto (questo ovviamente per permettere che il tuo progetto abbia successo) devi individuare un argomento verticale. I motori di ricerca e gli utenti non amano particolarmente i siti che parlando “un po’ di tutto”. Immagina la sorpresa di un utente di fronte ad un sito che gli illustra come rinnovare il passaporto e contemporaneamente si ripromette di guidarlo nell’acquisto di un regalo per San Valentino.
  • Essere esperti o appassionati del tema (ed essere riconosciuti sul web come tali): è ovvio che l’argomento lo devi conoscere altrimenti se ne accorgeranno tutti (Google in primis). Ci vuole tanto studio e passione. Dunque meglio scegliere una nicchia per la quale non si nutre astio o diffidenza.
  • Add value rispetto ai competitor: sul web c’è tutto, di tutto. Devi distinguerti.
  • Tema interessante per il mercato/target di riferimento (Volume di ricerca medio-alto)
  • Buon potenziale di monetizzazione (se l’obiettivo è guadagnare)

Come identificare la tua nicchia?

 Ovvero: quali sono le migliori frasi chiave da utilizzare in specifiche nicchie di mercato? Cerca di fare una lista di Keywords singole e composte, che ti serviranno nella fase di costruzione semantica dell’architettura del tuo progetto.

Utilizza i Tool di Google

 Sul web ci sono diversi strumenti che ti aiuteranno a valutare una serie di correlazioni semantiche tra le varie keywords che riguardano il tuo progetto. In questo modo riuscirai a costruire un’architettura contenutistica ancor prima di partire.

 

  • Google Suggest,
  • Google Insights/ Trends,
  • Google AdWords Keyword Tool

Perchè scegliere una birra blanche belga?

Una delle birre più amate per accompagnare piatti leggeri e antipasti, che funziona molto come aperitivo a causa del suo gusto particolare e della sua intensità lieve, è la birra Blanche, lontanamente imparentata con le più note Weiss. Il nome non deve trarre in inganno: non si tratta della stessa qualità di birra, nonostante il significato italiano del termine Blanche e di Weiss sia appunto “Birra Bianca”.

Le caratteristiche della Blanche

In fase di produzione, viene utilizzato un frumento particolare di classica provenienza belga: infatti questa tipologia è una delle più rinomate fra le birre belghe, apprezzatissima durante i periodi più caldi per le sue caratteristiche dissetanti e rinfrescanti. Il termine utilizzato per descriverla è francese, ma nella zona è conosciuta come birra Witte, tradizionalmente legata all’area Fiamminga e prodotta in Belgio, Francia del Nord e Paesi Bassi.

Per la fase di fermentazione non è utilizzato semplicemente il malto d’orzo, ma anche il frumento: grazie a questo particolare ingrediente, la birra va ad assumere la consistenza tipica e l’aroma che la contraddistingue, tanto che spesso ci si riferisce a questa qualità anche come birra di frumento.

I lieviti e le proteine del grano tenero rimangono in sospensione e causano la particolare torbidezza della birra Blanche. Anche in Italia questo prodotto ha successo, proprio per la qualità del grano: basti pensare alle birre in vendita online dalla Val Di Chiana, ad esempio.

La conservazione della Blanche

La presenza di questa sospensione di elementi a basse temperature lasciano la colorazione di questa birra molto chiara, da cui il termine di Witte, ovvero birra bianca.

La conservazione di questa birra non è garantita dal luppolo, assente completamente o quasi nella fase di produzione, ma di altre spezie quali il coriandolo o le arance in diverse qualità. Ecco perchè spesso le blanche hanno un retrogusto agrumato e speziato.

In particolare, fin dalla sua prima produzione in età medievale, invece del luppolo si utilizzava una miscela di aromi detta gruit, a base di erbe aromatiche quali l’erica, l’artemisia, l’ellera e spezie come i chiodi di garofano, l’anice, le bacche di ginepro ed il cumino.

Il tutto forniva gusto e piacevolezza aromatica alla birra, decretandone il successo ma anche la possibilità di essere conservata a lungo, proprio grazie alle proprietà conservanti del Gruit.

Casa Novecento per festeggiare i 18 anni a Roma

Casa Novecento è l’ambiente ideale per trascorrere qualche ora immerso nell’eleganza e nel calore di una struttura che vi farà sentire a casa e vi darà un’imperdibile chance per festeggiare 18 anni a Roma. Nata nel 2011 nel cuore del quartiere Eur, vanta una bellezza estetica data dal design architettonico estroso che la rende una realtà molto in voga oltre che un ambiente di ristoro apprezzato per la qualità dei suoi prodotti e la professionalità del suo servizio. Casa Novecento rappresenta oggi il mix giusto tra tradizione e modernità. Grazie ai suoi colori caldi si crea un’atmosfera estremamente suggestiva e avvolgente che si aggiunge al tocco tradizionale evidenziato da alcuni particolari: il menù è, ad esempio, illustrato su una lavagna, ma non solo.

Cucina e servizi per i party di 18 anni

La cucina, che viene messa a disposizione in base ai vostri desideri per il party di 18 anni, come è giusto che sia è il vero punto forte della struttura. Questa basa la sua filosofia e la sua proposta su quanto fornisce la tradizione italiana, la migliore al mondo. Non ci sarebbe questo successo senza l’ingrediente più importante. Va bene che il locale è lussuoso, è altrettanto vero che lo staff è di livello, ma il valore aggiunto è dato dai prodotti sempre freschi e selezionati che vengono serviti nei piatti che hanno fatto letteralmente innamorare le persone di questo ristorante, che oltre ad essere tale è anche una location ambitissima per i vostri 18 anni. I due piani interni e l’ampio spazio esterno fanno di Casa Novecento un ambiente unico anche per feste private, eventi aziendali e happening di ogni tipo.

Se il vostro obiettivo è fare una meravigliosa figura con i vostri amici e compagni di classe, mostrando loro la capacità di scegliere una location adulta, raffinata, alla moda, allora la scelta giusta è proprio Casa Novecento, per un party di 18 anni di livello che nessun altro potrà pareggiare. Rimarranno tutti sbalorditi nel vedere un arredamento curato, elegante, caldo, che sposa perfettamente tradizione e avanguardia dando un’immagine equilibrata.

A Casa Novecento, nel cuore dell’Eur, vi aspettano i 18 anni più glamour e trendy che si siano mai festeggiati!