Fluentify, la startup (inglese) delle lingue che viene da Torino

Fluentify, la startup (inglese) delle lingue che viene da Torino

Made in Italya

C’è un ragazzo di sedici anni che parla 21 lingue. È americano. Si chiama Timothy Doner e sa parlare ebraico antico, arabo, russo, italiano, persiano, swahili, indonesiano, hindi, Ojibwe, Pashto, turco, Hausa, curdo, yiddish, olandese, croato e tedesco. Ora sta studiando francese, latino e mandarino. Ha imparato grazie a internet, ai libri e tanta passione. Timothy è una star di youtube. Ma non è il protagonista di questa storia.

Si perché ci sono quattro ragazzi, torinesi, che hanno creato una startup per chi vuole imparare a parlare una lingua fluentemente. Prima però è bene aprire una parentesi per le generazioni che hanno anticipato i nativi digitali: ricordate i pen pal, gli amici di penna d’oltremanica ai quali le prof di inglese si dannavano di farci scrivere? Ecco: ricordate la prima bellissima lettera scritta nella più perfetta calligrafia e nel miglior inglese possibile? E ricordate che lo scambio di lettere, nel migliore dei casi, si limitava a due/tre botta e risposta? Ecco: a essere protagonista di questa storia è una startup che è l’evoluzione del pen pal. La startup e ovviamente chi l’ha inventata. Che sono: Giacomo (24 anni) e Andrea (23) hanno studiato economia, Matteo (25)  è uno sviluppatore, e Claudio (23) sta studiando allo IED a Torino. Sono dei viaggiatori e studenti, ma anche imprenditori. La startup si chiama: Fluentify.

Che cos’è Fluentify? Giacomo dice che è un ponte per avvicinare persone che altrimenti sarebbero lontane e serve per far incontrare madrelingua con persone che vogliono migliorare la capacità di conversazione in una lingua che già più o meno conoscono, “anche perché è l’unica cosa che non può essere replicata da nessuna macchina e non si può fare individualmente”, dice Andrea. Riuscire a comunicare in un’altra lingua in maniera più fluente è ciò che può far vivere un viaggio o un’esperienza all’estero in maniera molto più profonda, conoscere molta più gente, leggere libri..

“Ci siamo resi conto, dice Andrea, “che imparare una lingua non è tanto studiarla sui libri con le sue regole perché poi quelle ce le dimentichiamo sempre tutti. Impari una lingua parlando con la  gente di cose che ti interessano e che magari ti danno un motivo in più per buttarti, anche rischiando di fare errori”.

Come funziona?
Un collegamento internet, una webcam e un microfono per una lezione di mezz’ora in videoconferenza con un madrelingua della lingua che si vuole, con interessi simili a chi la vuole imparare.

Cosa vi differenzia dai canonici corsi di lingua?
Prima di tutto non ci sono professori e studenti, ma tutor e learner.  Chiunque nel mondo può essere un tutor su fluentify perché gli unici requisiti che chiediamo sono di essere madrelingua e che abbia un computer con una connessione che permette di fare una chiamata. Rispetto ai canonici corsi di lingua noi ci rivolgiamo a persone che vogliono migliorare una lingua che stanno studiando con una mezz’ora alla settimana e non con i corsi intensivi che propongono le altre scuole. Su internet, per quanto fluentify sia originale, ci sono già piattaforme dove si può parlare con madrelingua. Ciò che ci differenzia dagli altri è che promuoviamo lezioni individuali. Non è facile avere a disposizione un madrelingua per mezz’ora. Cambia anche la relazione tra chi sa la lingua e chi la deve imparare: quello che c’è tra tutor e learner non è il classico rapporto professore-studente perché al momento dell’incontro (virtuale), condividono già interessi e quindi la mezz’ora della lezione passa più piacevolmente.

In che  modo avete creato la vostra startup all’estero?
Abbiamo fondato una società che si chiama Blinguo con sede a Londra è una LTD. La ragione è che avevamo molti più contatti a Londra che non in Italia. L’anno scorso ho fatto un’esperienza lavorativa per un acceleratore di startup a Londra che si chiama accelerator accademy che mi ha permesso di sviluppare il network, incontrare persone attive della città. Un mondo dove va di moda aprire una startup, provare a fare gli imprenditori, la differenza vera sta nell’essere inseriti in un network attivo, poter ricevere quotidianamente  feedback da persone più esperte di noi.

E cosa avete pensato per i pagamenti?
I tutor scelgono i prezzi della sessione: possono fare lezioni da un minimo di 5 a un massimo di 30 euro per ogni slot da mezz’ora. Il learner paga al momento della prenotazione. Una volta che il tutor vede il suo slot prenotato e fa la lezione. Se alla fine della lezione lo studente non ha particolari segnalazioni da fare, i soldi verranno trasferiti sul conto digitale del tutor che potrà riscuotere il pagamento quando raggiungerà un tetto di 50 euro. Tutto è integrato sulla piattaforma: inizialmente useremo solo paypal. Non obblighiamo a prendere pacchetti di minuti e crediti: i micropagamenti vengono fatti di volta in volta proprio per fare lezione senza impegni, senza subscribption.Il costo della transazione non è a nostro favore, ma è una esperienza migliore per l’utente.

I prossimi sviluppi del vostro progetto?
Per quanto riguarda le nuove lingue, in futuro la priorità è il cinese, ma abbiamo bisogno di fare investimenti più importanti perché non basta aprire una pagina. Riguardo agli strumenti invece, desso ci stiamo concentrando sulla versione da desktop. È in programma un’applicazione da tablet (ipad e android) e poi ci affascina molto l’idea di creare un’applicazione di facebook con l’applicazione di skype. Infatti puntando molto alla condivisione delle passioni di tutor e learner,  con l’applicazione facebook riusciremo a migliorare le interazioni.

Insomma: quattro giovani, viaggiatori, studenti con una società a Londra, che mentre chiacchieramo sono a Parigi… “ma a noi farebbe piacere tornare in Italia, eh”, dice Andrea. Ecco: buon viaggio/safari njema/bon voyage…

Roma, 25 aprile 2013

ANDREA CARDONI

L’articolo Fluentify, la startup (inglese) delle lingue che viene da Torino sembra essere il primo su Made in Italya.

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Fluentify, la startup (inglese) delle lingue che viene da Torino

Argomenti trattati: I redazionali di MadeInItalya.com: un portale dedicato alle eccellenze del Made in Italy. Agroalimentare, Artigianato, Industria, Design, Moda, Abbigliamento, Arredamento, Hi-Tech. L’italia dell’innovazione. Le Start-Up Innovative e gli Incubatori Certificati. Innovazione ed Internazionalizzazione. Imprese e Imprenditori.
Altre informazioni inerenti Fluentify, la startup (inglese) delle lingue che viene da Torino:

CheFuturo
http://www.madeinitalya.com/feed/
Made in Italya
il meglio del made in italy alla conquista del mondo: aziende | italiani nel mondo | cultura italiana

CategorieSenza categoria