Segnali incoraggianti dal mercato delle ville per le vacanze

Recentemente una ricerca condotta dalla società di consulenza turistica Jfc ha segnalato come il mercato delle ville per vacanze in Italia stia registrando risultati positivi, soprattutto grazie agli stranieri, particolarmente attratti da questa formula di soggiorno.

La destinazione più richiesta in questo mercato è la Toscana, che conquista oltre il 50% di preferenze, seguita dall’Umbria con il 14,4% e dalla Costiera Amalfitana con il 10,1%. Bene anche le Marche, i laghi del Nord Italia e la Liguria.

Tra le località emergenti vi è la Puglia mentre le isole maggiori registrano un significativo incremento delle richieste: le ville in affitto Sardegna sono particolarmente richieste dai clienti russi mentre in Sicilia la domanda maggiore è rappresentata da americani e canadesi.

I flussi turistici legati al mercato delle ville per le vacanze si concentrano soprattutto nei mesi “tradizionali” delle vacanze balneari, quindi luglio e agosto, seguiti da settembre e giugno. Interessante anche la quota che si registra per il periodo di Natale – Capodanno, che sarebbe più alta se fosse meno scarsa la disponibilità dei proprietari ad affittare la propria villa per questo periodo. Le ville preferite sono quelle che si trovano in collina o in campagna, poco distanti dal mare o situate in punti strategici per poter visitare agevolmente luoghi conosciuti e famosi. Tra i servizi più richiesti vi sono la piscina con il wi-fi mentre per le ville vicino al mare, soprattutto per quanto riguarda quelle in Sardegna e in Sicilia, è particolarmente richiesto l’accesso diretto in spiaggia.

La spesa media per una villa con 8/12 posti letto in periodo di media stagione ha un costo settimanale che oscilla tra i 3500 euro e i 5000 euro mentre per affittare settimanalmente una villa di lusso occorrono in media fra gli 8000 mila e i 12000 euro.

La maggior parte dei clienti del mercato delle ville in affitto sono americani, seguiti da inglesi, belgi, olandesi, lussemburghesi e scandinavi. Consistente anche la quota di clienti russi, tedeschi, canadesi e australiani.

Si stima che quest’anno il mercato delle ville in affitto sfiorerà i 78 milioni di fatturato, facendo registrare un incremento del 3,4% rispetto allo scorso anno.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi