Fuck The Poor!

Scena 1: Un uomo in versione “uomo sandwich” si aggira per le strade di Londra indossando un cartello che lascia poco spazio all’immaginazione “Fuck the poor”, per alimentare l’astio dei passanti lo stesso uomo inizia a distribuire volantini che confermano la sua ardita tesi: fuck the poor. I passanti sono indignati, insultano l’uomo e qualcuno quasi gli mette le mani addosso dimostrando così il loro interesse per le persone povere. Scena 2: l’esperimento continua, l’uomo sandwich modifica il cartello, la scritta si trasforma in “Help the poor”, ma da parte dei passanti non c’è reazione alcuna…

Fuck The Poor!

fuck_the_poor

Scena 1: Un uomo in versione “uomo sandwich” si aggira per le strade di Londra indossando un cartello che lascia poco spazio all’immaginazione “Fuck the poor”, per alimentare l’astio dei passanti lo stesso uomo inizia a distribuire volantini che confermano la sua ardita tesi: fuck the poor.

I passanti sono indignati, insultano l’uomo e qualcuno quasi gli mette le mani addosso dimostrando così il loro interesse per le persone povere.

Scena 2: l’esperimento continua, l’uomo sandwich modifica il cartello, la scritta si trasforma in “Help the poor”, ma da parte dei passanti non c’è reazione alcuna, anzi comanda l’indifferenza più totale.

fuck_the_poor02

L’attività è firmata dall’organizzazione The Pilion Trust, che da anni si occupa dei problemi dei meno fortunati economicamente.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Per questo articolo si ringrazia:

Bloguerrilla

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Fuck The Poor!

Fuck The Poor!


Argomenti Trattati: Marketing non Convenzionale, Unconventional Marketing

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi