Come si diventa giornalisti

Molti giovani hanno il sogno di diventare giornalisti e scrivere per importanti testate nazionali ed internazionali. La strada però non è affatto facile, anzi. La gavetta da fare è lunga e tortuosa, spesso neanche pagata e non tutti nascono Oriana Fallaci o Indro Montanelli. Se comunque volete provarci, ecco i passi da seguire.

Niente università

Partiamo da un presupposto: l’università non è obbligatoria per diventare giornalisti. Nessuna facoltà infatti vi permette di entrare automaticamente nell’Ordine dei Giornalisti. Una laurea in scienze della comunicazioni o in materie umanistiche vi può essere utile come formazione di base, ma non è fondamentale.

E’ invece consigliabile studiare in una specifica Scuola di Giornalismo. L’Ordine dei Giornalisti ne riconosce ufficialmente alcune, presenti in tutta Italia, che vi aiuteranno notevolmente nel passare l’esame. Sul sito ufficiale dell’Ordine potete trovare l’elenco completo.

Praticantato

Se non volete o non potete frequentare la scuola, dovete iscrivervi al registro dei praticanti giornalisti. Il praticantato deve avere una durata di diciotto mesi (continuativi!). Il direttore della testata dovrà, alla fine del praticantato, dichiarare per iscritto che avete lavorato con lui. Quindi, è fondamentale accordarsi prima con chi dirige il giornale, altrimenti rischiate di perdere diciotto mesi della vostra vita per niente!

Dovrete poi seguire il corso organizzato dall’Ordine. Potete chiedere alla sezione della Regione in cui vivete; in alternativa, esiste un corso “centrale” organizzato a Fiuggi. Ormai i corsi e-learning sono una realtà, quindi potrete seguirlo anche a distanza! Il corso è finalizzato (ed obbligatorio) a farvi superare l’esame finale.

L’esame

Poi, la prova finale: l’esame. Come tutti gli esami, si divide in due prove, una scritta ed una orale:

  • Prova scritta: dovrete scrivere un articolo, una sintesi di un articolo ed un questionario su attualità e politica, rispettando il numero di battute. Gli argomenti saranno scelti dalla commissione e la prova avrà durata di circa otto ore.
  • Prova orale: sarete interrogati sulle norme che regolano il giornalismo, sulle tecniche e sulla deontologia della professione.

Importante: potrete sostenere l’esame per diventare giornalista solo se avete almeno ventuno anni. Inoltre, non dovete avere precedenti penali e dovete pagare la tassa prevista per l’esame.

In bocca al lupo!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi