La pubblicità secondo Michele Rizzi

Per ricordare Michele Rizzi, copio questo pezzo tratto dal suo unico libro La pubblicità è una cosa seria (1987, Sperling & Kupfer). Non è il solito manuale per creativi in cerca di consigli ma un’analisi “seria” (non seriosa) della pubblicità come linguaggio la cui funzione è “vestire gli oggetti esistenti …

Evidenziamo questa news da:

creative classics:

La pubblicità secondo Michele Rizzi

golia bianca pubblicità, marco fossati monza

Per ricordare Michele Rizzi, copio questo pezzo tratto dal suo unico libro La pubblicità è una cosa seria (1987, Sperling & Kupfer). Non è il solito manuale per creativi in cerca di consigli ma un’analisi “seria” (non seriosa) della pubblicità come linguaggio la cui funzione è “vestire gli oggetti esistenti con significati simbolici“.

I consumatori preferiscono invece una pubblicità sincera, che sia scopertamente e fino in fondo se stessa, senza infingimenti. Addirittura in grado di fare dell’autoironia, di non prendersi troppo sul serio: un messaggio pubblicitario che sappia ammiccare, alludere, divertire, evocare sensazioni ed immagini, creare emozioni. Esattamente come un film, un libro, uno spettacolo, un sogno, una fiaba. Il mondo della pubblicità è infatti -…- un mondo onirico, fantastico e simbolico, la cui dimensione è vistosamente sovra-razionale.

Il ricordo di Till Neuburg nel blog adci. Nel blog italics un bello spot per Sangemini.

Per questa news si ringrazia:

creative classics

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

La pubblicità secondo Michele Rizzi

La pubblicità secondo Michele Rizzi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi