Cinque consigli per sviluppare un buon piano di Marketing strategico: il content marketing

Ci sono persone convinte che, fare marketing – specialmente ai tempi di Internet – voglia dire semplicemente, imparare alcune regolette e metterle in pratica, per ottenere – quasi per magia – lo strepitoso successo della propria attività imprenditoriale. Nulla di più sbagliato. Il marketing ha si delle regole, che è bene studiare e conoscere approfonditamente, ma è bene sapere che, ogni attività aziendale è un caso a sé, e pensare di poter applicare le stesse regole e le stesse strategie a tutte le imprese, è davvero sbagliato.
“Personalizzazione” è la parola d’ordine, più che mai quando ci accingiamo a creare un piano di marketing strategico, che serve fondamentalmente a migliorare la comunicazione imprenditoriale, al fine di aumentare la clientela, fidelizzarla e mantenerla sempre con un livello di attenzione elevato nei confronti del business aziendale.

Il metodo migliore per giungere a questi obiettivi quindi, non può certamente essere quello di utilizzare delle strategie standar, che non farebbero altro che far perdere tempo e ottenere risultati risibili.
Sia chiaro: un piano di marketing strategico non è un progetto flash, qualcosa da fare una volta per poi non pensarci più. E’ un progetto a lungo termine, che va inserito nella strategia aziendale globale, come le altre voci, spesso tenute maggiormente in considerazione rispetto a tutto ciò che ruota intorno al marketing.

In questo articolo, approfondiamo le regole per pianificare una strategia di marketing sia strategico che operativo, in grado di rendere competitiva un’impresa, in un mercato – quello attuale – talmente saturo da mettere spesso a rischio il successo di un’impresa. Sono consigli che hanno come obiettivo la realizzazione, in cinque step, di un piano di marketing strategico: assimilatele e mettetele in pratica. Comprenderete come migliorare il vostro business.

L’importanza di un piano di marketing strategico e la nascita del “Content marketing”

Esistono dei punti chiave, da tenere in considerazione, quando si desidera sviluppare un buon piano di Marketing strategico. I punti essenziali da conoscere sono:

Target, mercato di riferimento, keyword: se non si conosce bene il target aziendale, non si può sviluppare alcuna strategia di marketing. Altro elemento fondamentale: la conoscenza del mercato di riferimento, dei competitors e anche, considerando che oggi le strategie di Marketing si sviluppano per lo più sul Web, la conoscenza delle keyword riferite al proprio settore. Senza questi elementi, non è possibile avviare un progetto di marketing.

Quali sono i canali da utilizzare: come detto prima, la diffusione su larga scala delle piattaforme social sul Web, consente oggi di aumentare le possibilità di contattare un più altro numero di potenziali clienti. Questo però, deve viaggiare in parallelo con le tradizionali metodiche di marketing strategico.

Gli strumenti da usare: tutto, in un’azienda, concorre a sviluppare una buona strategia di marketing: è importante pianificare le riunioni col personale interno e con gli eventuali venditori che operano esternamente, così come è importante dare la giusta attenzione allo sviluppo delle campagne pubblicitarie, siano esse tradizionali – cartellonistica, volantinaggio etc – o sviluppate online, passando poi per i canali online, che presuppongono almeno la realizzazione di un sito internet che osservi le regole di ottimizzazione, date dal SEO.

Fidelizzazione e conversione della clientela: l’obiettivo prioritario di qualsiasi azienda, è quello, da un lato di conquistare nuova clientela, dall’altro di fidelizzare quella già in essere. Una buona strategia di marketing, è in grado di far ottenere entrambe le cose.

Analisi e monitoraggio dei risultati: attraverso un’attenta analisi dei risultati ottenuti, coniugata a un costante monitoraggio dell’andamento del mercato e delle evoluzioni aziendali, è possibile comprendere quali siano i punti di forza e quali quelli che è necessario migliorare. Ricordare costantemente che, il motivo principale per cui si fa impresa, è il ritorno economico che si riceve attraverso le attività che si svolgono, anche – e soprattutto – grazie a un buon piano di marketing strategico.

Da cinque o sei anni orsono si sta diffondendo ed apprezzando sempre più un nuovo approccio metodologico definito content marketing: gli investimenti aziendali in questo specifico settore sono sempre in costante aumento.
Per raggiungere buoni risultati di marketing bisogna creare contenuti coinvolgenti, emozionali, densi di senso.

Ma come fare per pianificare e realizzare contenuti di valore?

Ogni azione di content marketing va sviluppata sul medio o lungo periodo ed inserita in una precisa strategia.

Elaborare una strategia permette di misurare i risultati e controllare l’effettivo ritorno dell’investimento. Poniti delle domande chiave e rispondi in maniera puntuale e concreta:

  • Quali benefici intendi apportare al tuo business mediante il content marketing?
  • A chi ti rivogli?
  • Come coinvolgi il tuo target?

Vediamo, in concreto, di cosa si tratta e come può essere attuato:

STEP 1: DEFINISCI GLI OBIETTIVI

Se vuoi trarre valore da ciò che stai creando, devi avere chiari gli obiettivi da raggiungere. Dove vuoi arrivare? Cosa intendi raggiungere con la tua attività di content marketing?

In particolare, la definizione degli obiettivi nell’ambito di una strategia per i contenuti è orientata a:

  • Aumentare la brand awareness;
  • Attrarre nuovi clienti;
  • Generare traffico al sito internet (traffic generation);
  • Incrementare il conversion rate.

STEP 2: CONOSCI IL TUO TARGET

Conosci realmente le persone a cui sono destinati i tuoi contenuti?

Uno step fondamentale per avere un content marketing davvero efficace è conoscere il target a cui ti rivolgi: ascoltalo, immedesimati in lui, capisci perfettamente quali sono le sue abitudini e i desideri.
Comprendere i codici culturali del tuo pubblico, gli interessi e i desideri delle persone a cui ti rivolgi, ti permetterà di creare contenuti in grado di emozionare e coinvolgere davvero.

STEP 3: STABILISCI LE PRIORITÀ E PIANIFICA I TUOI CONTENUTI

Più non è sempre meglio. Non cercare di affrontare troppi temi alla volta. Focalizza la creazione dei contenuti su aspetti chiave. Un buon modo per creare contenuti di valore è alimentare i tuoi canali di marketing con un approccio del tipo content pillar. I contenuti pilastro sono densi e ricchi di approfondimenti, definiscono un argomento specifico e interessante in maniera completa, profonda ed esaustiva.

Si tratta di contenuti in stile “how to” che mirano a conferire valore e conoscenza in maniera esaustiva e solida, proprio come un pilastro. E lo fanno con immagini, testo, video, infografiche, podcast, post, ecc.

STEP 4: COINVOLGI IL TUO PUBBLICO

Dopo aver definito gli obiettivi di business, determinato il tuo target e stabilito il profilo delle persone a cui ti rivolgi, ti verrà più semplice capire di cosa hanno bisogno e in che modo la tua attività di content marketing potrà coinvolgere e innescare interazioni e costruzione di senso.

Devi indirizzarti su una comunicazione coinvolgente, partecipativa, emozionale; una comunicazione che parli al cuore delle persone che ti leggono.

STEP 5: ASSEGNA RUOLI E RESPONSABILITÀ

Creare un flusso di lavoro semplificato di contenuti è una delle più grandi sfide. Per ogni contenuto che pianifichi, identifica le persone responsabili per:

• Content creation
• Approvazione contenuti
• Progettazione contenuti
• Pubblicazione contenuti
• Gestione contenuti
• Social media
• SEO
• Performance analytics.