Drive to store: come portare i clienti in negozio

Internet, in questo periodo più che mai, è diventato lo strumento che accorcia le distanza tra chi vuole acquistare e chi vuole vendere, è un ponte tra venditore e cliente. Proprio per questo è fondamentale riportare nel rapporto cliente – venditore l'aspetto personale e quindi la visita al negozio fisico e l'assistenza reale di un addetto o un titolare. La pratica in questione è chiamata Drive To Store e in questo breve articolo cercheremo di analizzare il significato di Drive To Store e tutte le buone pratica che un titolare deve adottare per avere successo in questa pratica e portare più persone possibili all'interno del proprio negozio.

Drive To Store: di cosa si tratta?

Come accennato poco prima il termine Drive To Store si riferisce all'insieme di tutte quelle azioni in ambito marketing con lo scopo di gestire il rapporto tra futuri clienti e il brand online, così da riuscire ad incrementare, attraverso assistenza e pubblicità, le vendite e le visite presso i negozi fisici. Uno in particolare sono i Drive To Store di Ediscom.

Consigli pratici per intraprendere un ottimo Drive To Store

Un ottimo punto di partenza è quello di curare la pagina Google My Business in modo preciso. Sarà necessario inserire alcuni video e foto del negozio, così da mostrare al cliente gli ambienti interni e come sono organizzati; l'indirizzo preciso in cui si trova il negozio, così da poter essere localizzato sulla mappa; gli orari in cui il negozio apre e chiude. In questo modo il cliente avrà un quadro generale sui prodotti o i servizi offerti, quindi la pagina sarà da curare nel dettaglio affinché il cliente sia ispirato e invitato a visitare fisicamente il negozio.

Un metodo per aumentare il traffico all'interno del negozio è quello di farlo visualizzare sul web attraverso campagne Google Ads. Bisogna creare delle strategie di targeting in modo che a determinati gruppi di potenziali clienti compaia la pubblicità del negozio sulla base della zona in cui vive, attraverso le estensioni di località, così da contattare le persone vicine alle sedi dei relativi negozi.

Per riuscire a fare una buona campagna relativa al Drive To Store è necessario andare a creare una user experience che dovrà essere inserita all'interno della pagina prodotto. In questo modo il cliente avrà chiaro l'indirizzo del negozio fisico e potrà visualizzare informazioni utili come orari e giorni di chiusura. Bisogna far attenzione a tenere sempre aggiornato lo store locator, indicando eventuali chiusure relative ad inventario o festività. Inoltre, è necessario inserire alcune call to action che portino l'utente a visitare il negozio fisico.

Al giorno d'oggi i social network sono un ottimo modo per farsi conoscere e fare pubblicità alla propria attività, sia online che fisica. Quindi un ottimo modo per pubblicizzare il proprio negozio fisico è quello di creare delle campagne di pubblicitarie su una delle più importanti piattaforme, Facebook. Le inserzioni che si possono creare su questo social network sono personalizzabili, così da poter estrarre informazioni locali per tutti i punti vendita fisici che si vogliono pubblicizzare. Inoltre, dà la possibilità di creare dei pulsanti relativi a call to action per spronare gli utenti a visitare il negozio più vicino a loro. Si potrà inoltre inserire una mappa che indichi ogni singolo punto vendita presente sul territorio.

Inoltre, è necessaria un'analisi della performance che dovrà rappresentare sia dati relativi al negozio online che quelli dei negozi fisici. In questo modo si avrà un'idea chiara sull'andamento dei due punti vendita, sia online che fisico

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi