Louis Vuitton socializza il direct marketing

La Maison Louis Vuitton per il lancio del nuovo brand content “Invitation au voyage”, filmato realizzato per il web e per la sua prima campagna pubblicitaria, socializza alcune pratiche del direct marketing ma in modalità opt-in. La campagna lanciata su più supporti vede la protagonista immersa in una storia che direi inspirata al “Il Codice Da Vinci”, ma dove ritroviamo una certa coerenza con la marca. Il Louvre rappresenta la residenza di una delle prime clienti di LV, l’imperatrice Eugénie, mentre l’invito che la ragazza riceve rappresenta tutto il mondo Louis Vuitton e la sua …

Louis Vuitton socializza il direct marketing

La Maison Louis Vuitton per il lancio del nuovo brand content “Invitation au voyage”, filmato realizzato per il web e per la sua prima campagna pubblicitaria, socializza alcune pratiche del direct marketing ma in modalità opt-in.

La campagna lanciata su più supporti vede la protagonista immersa in una storia che direi inspirata al “Il Codice Da Vinci”, ma dove ritroviamo una certa coerenza con la marca. Il Louvre rappresenta la residenza di una delle prime clienti di LV, l’imperatrice Eugénie, mentre l’invito che la ragazza riceve rappresenta tutto il mondo Louis Vuitton e la sua propria mission.

Il bisogno di creare un brand content utilizzabile come campagna pubblicitaria istituzionale ha forze in qualche modo tolto qualche possibilità in più allo scenario, dove a mio parere il prodotto prende il sopravvento sulla storia stessa. Resta comunque un interessante risposta di una marca di lusso che oggi deve scontrarsi in termini di creatività con una realizzazione eccezionale di Cartier con la campagna “L’Odissée de Cartier”.

La campagna su Facebook

Il brand su Facebook domanda ai propri fan ad accettare l’invito proprio come la protagonista del filmato. Un video teaser creato per l’occasione ripercorre quello che sarà il cortometraggio della campagna.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

L’iscrizione via l’applicazione Facebook consente ai fan di restare in contatto con la marca in attesa dell’uscita del video e del backstage. L’app consente a Louis Vuitton di contattare via un messaggio personalizzato gli utenti direttamente come una notifica.

via Luxury Daily

Un modo innovativo di creare un contatto diretto con gli utenti associato a dei contenuti ad alto valore emozionale. La posta in gioco è alta visto il successo di Dior con la saga Lady Dior e Lady Shanghai o Cartier.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Backstage

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 LV e il Social Direct Marketing in Cina

Louis Vuitton esplora nuovi metodi di comunicazione basati su metodi molto più tradizionali. La nuova funzione del nuovo social network tra i più popolari in Cina, permette agli utenti di iscriversi ad una marca e ricevere le sue comunicazioni via messaggi diretti.

Wechat by Tercent (Weixin in cinese, 微信), permette di inviare messaggi testo e voce tra utenti, ma anche di creare una propria timeline di contenuti proprio come su Twitter accessibile solo per i propri contatti privati. La funzione dedicata ai brand consente di essere seguiti direttamente dai propri fan e inviare loro dei messaggi diretti, link, video, immagini e quindi anche promozioni. La possibilità di geolocalizzare i propri contatti potrebbe essere un’opportunità per le marche di creare una vera relazione one-to-one.

L’applicazione consente in teoria al brand di “chattare” sia via testo che voicemail direttamente con uno o più fan, un’opportunità che se per il momento è troppo presto per sfruttarla, potrebbe rivoluzionare i servizi ongoing di CRM.

I punti negativi della campagna

La marca riesce facilmente a farci viaggiare nel mondo “Art of travel” ed i suoi valori, tuttavia avrei preferito maggiore interattività nella versione digitale e dei contenuti più esclusivi visto che attraverso l’applicazione Facebook diamo la possibilità alla marca di contattarci direttamente. Pinterest resta un repository di immagini, quando sarebbe stato perfetto postarvi qualche foto backstage o meno istituzionale.

Per questo articolo si ringrazia:

WoMarketing – di Andrea Colaianni

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Louis Vuitton socializza il direct marketing

Louis Vuitton socializza il direct marketing


Argomenti Trattati: Marketing

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi