Salario minimo: non è la risposta corretta per favorire il lavoro

Dagli anni Settanta gli economisti discutono degli effetti del salario minimo sull’occupazione. Alcuni affermano che riduce l’accesso al mercato del lavoro delle persone meno qualificate. Altri, invece, sostengono che mantiene la coesione sociale.

Salario minimo: non è la risposta corretta per favorire il lavoro

Dagli anni Settanta gli economisti discutono degli effetti del salario minimo sull’occupazione. Alcuni affermano che riduce l’accesso al mercato del lavoro delle persone meno qualificate. Altri, invece, sostengono che mantiene la coesione sociale.

Per questo articolo si ringrazia:

Ninja Marketing, il punto di riferimento nell’innovazione nel marketing e nella comunicazione.

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Salario minimo: non è la risposta corretta per favorire il lavoro

Salario minimo: non è la risposta corretta per favorire il lavoro


Argomenti Trattati: Marketing non Convenzionale, Unconventional Marketing

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi