La SEO e l’importanza dei segnali sociali

Molti pensano che realizzare il sito web della propria attività, basti a trasformare i visitatori in clienti. Non è proprio così.

Ovviamente, chi la pensa in questo modo è rimasto con la mente alla fine degli anni ’90, e non ha la minima idea di come funzioni il web e di come si faccia impresa online. Mentre agli albori del web l’importante era esserci, perché la “concorrenza” era minima, oggi realizzare un sito, magari anche bellissimo da un punto di vista grafico, non basta.

L’importanza della SEO

Senza una precisa strategia di comunicazione non riuscirete ad ottenere quanto desiderato. A fare veramente la differenza è una corretta attività SEO (Search Engine Optimitation), ovvero l’ottimizzazione di un sito web per i motori di ricerca. Google su tutti.

Preventivo SEO

La SEO si basa sull’algoritmo di Google che privilegia le pagine web con più link ad esse indirizzati. Comprenderne in pieno le funzionalità è pressoché impossibile, essendo un brevetto segreto della Big G, ma esistono una serie di strumenti e attività, che aiuteranno certamente a far crescere il proprio sito web o blog.

Anche se oggi tutti si professano esperti della materia, ma quest’attività non è per niente semplice, perché presuppone competenze trasversali che vanno dalla programmazione web al content management, passando per il copywriting e il social media management. L’improvvisazione potrebbe anzi portare persino ad una serie di penalizzazioni, dalle quali sarebbe poi difficile uscire, meglio quindi rivolgersi a chi conosce la materia, richiedendo un preventivo SEO.

A proposito, da qualche anno a questa parte, il traffico web si muove molto anche attraverso i social network, dove ognuno di noi tende a leggere e condividere link di articoli, video, foto e contenuti che abbiamo apprezzato. Di conseguenza, gli esperti di SEO hanno dovuto affrontare questi cambiamenti, “ottimizzando” il loro lavoro.

I risultati delle ricerche su Google, oggi, riportano spesso in prima pagina contenuti presenti su account social, rendendo sempre più importante l’attività di SMM.

I segnali sociali e la loro importanza

Al centro dell’attenzione delle agenzie SEO sono i cosiddetti segnali sociali, ovvero ciò che succede su Facebook, Twitter e altri social network relativamente ad un contenuto. In poche parole, se l’articolo postato sul tuo blog riceve moltissimi Like, Share, RT, condivisione su LinkedIn e così via, quel contenuto agli occhi di Google acquisterà valore, facendolo salire nei risultati.

Social Media

Questo vale in particolare per Google Plus, il social network dell’azienda di Mountain View, che, dopo un periodo di scarsa diffusione e utilizzo, ha registrato negli ultimi mesi una crescita importante. Essendo un proprio prodotto, Google ne privilegia i contenuti, posizionandoli sempre tra i primissimi risultati delle ricerche.

Anche se molto dibattuto e oggetto di infinite discussioni online, quello dei segnali social è ancora un discorso complesso e parziale, in quanto non sono disponibili dati statistici precisi, ma è fuor di dubbio che quanto più un contenuto viene veicolato sui social media, maggiore sarà la possibilità di portare traffico al proprio sito web o blog; quindi, vale la pena di prestare attenzione a questo fenomeno.

Anche se fino a meno di un anno fa esisteva un fortissima contrapposizione tra gli esperti SEO, convinti che la loro attività fosse l’unica in grado di portare risultati tangibili, e quelli di SMM, secondo i quali invece il traffico di contenuti sui social network rappresenta il futuro dell’ottimizzazione sul web, oggi si può quasi parlare di un duo, che potremmo chiamare “Seo & Social”, dalle potenzialità enormi.

Un elemento su cui quasi tutti tendono a concordare è che, nonostante la crescita esponenziale dell’importanza dei segnali social, ai quali bisogona prestare sempre molta attenzione, non si può e non si deve ridurre l’attività SEO, perché senza di essa l’ottimizzazione del proprio sito web diminuirebbe sensibilmente.

Di conseguenza, una miscela di SEO “tradizionale” e SMM potrebbe essere la soluzione migliore.